Calcoli biliari (calcoli della colecisti)

di Marco Mancini 3

Calcoli biliari (calcoli della colecisti)

I calcoli biliari, o calcoli della colecisti, sono duri depositi che si formano all’interno della cistifellea. Possono essere piccoli come un granello di sabbia o grandi come una pallina da golf.

CAUSE: La causa di calcoli biliari varia. Ci sono due principali tipi di calcoli biliari:

  • Calcoli di colesterolo, che sono di gran lunga il tipo più comune. Non hanno nulla a che fare con i livelli di colesterolo nel sangue;
  • Calcoli di bilirubina, che possono verificarsi quando i globuli rossi vengono distrutti (emolisi). Questo porta a troppa bilirubina nella bile. Sono detti anche calcoli pigmentati.

I calcoli biliari sono più comuni nelle donne, nativi americani, gli ispanici, e le persone oltre i 40 anni, e possono essere ereditari. I fattori di rischio per sviluppare i calcoli biliari sono:

  • Trapianto di midollo osseo o altri organi solidi;
  • Diabete;
  • Fallimento della cistifellea che non svuota più la bile (questo è più probabile che accada durante la gravidanza);
  • Cirrosi epatica e le infezioni delle vie biliari (calcoli pigmentati);
  • Condizioni mediche che causano la troppa produzione di bilirubina, come ad esempio anemia emolitica cronica e anemia falciforme;
  • Rapida perdita di peso dovuta al mangiare pochissime calorie, o dopo la chirurgia bariatrica;
  • Ricevere nutrimento per endovena per un lungo periodo di tempo.

SINTOMI: Molte persone affette da calcoli biliari non hanno alcun sintomo. I calcoli biliari sono spesso trovati durante una esame ai raggi-x per altri motivi, chirurgia addominale, o altre procedure mediche. Tuttavia, se i grossi blocchi interrompono il dotto cistico o il dotto biliare comune (chiamato coledocolitiasi), si possono avere crampi al centro e a destra dell’addome superiore. Questa è nota come colica biliare. Il dolore va via se il calcolo passa nella prima parte dell’intestino tenue (il duodeno). I sintomi che possono verificarsi sono:

  • Dolore nella parte medio-alta destra dell’addome superiore che può essere costante, acuto, e può diffondersi alla schiena o sotto la scapola destra;
  • Febbre;
  • Ittero;
  • Feci di colore argilla;
  • Nausea e vomito.

E’ importante consultare un medico se si hanno i sintomi dei calcoli biliari.

DIAGNOSI: Le analisi utilizzate per individuare i calcoli biliari o l’infiammazione della colecisti sono:

  • Ecografia addominale;
  • TAC addominale;
  • Colangiopancreatografia retrograda endoscopica;
  • Scan della cistifellea al radionuclide;
  • Ecografia endoscopica;
  • Colangiopancreatografia risonanza magnetica;
  • Colangiofrafia transepatica percutanea;
  • Bilirubina;
  • Test di funzionalità epatica;
  • Enzimi pancreatici.

TERAPIA: La chirurgia non è di solito necessaria a meno che non si manifestano i sintomi. L’unica eccezione è nei pazienti che hanno subito un intervento chirurgico per la perdita di peso. In generale, i pazienti che hanno sintomi si sottoporranno ad un intervento chirurgico o immediatamente, o dopo un breve periodo di tempo.

Una tecnica chiamata colecistectomia laparoscopica è più comunemente usata oggi. Questa procedura utilizza piccoli tagli chirurgici che consentono un recupero più veloce. I pazienti sono spesso dimessi il giorno stesso dell’intervento, o la mattina successiva. In passato, la colecistectomia aperta (rimozione della cistifellea) è stata la normale procedura per casi non complicati. Tuttavia, questa è fatta meno spesso ora. La colangiopancreatografia retrograda endoscopica e una procedura chiamata sfinterotomia possono essere eseguite per trovare o trattare i calcoli nel dotto biliare comune.

I farmaci chiamati acidi chenodeossicolici o acidi ursodesossicolici (ursodiol) possono essere somministrati in forma di pillola per sciogliere i calcoli biliari di colesterolo. Tuttavia, essi possono dover essere presi per 2 anni o più prima di avere risultati ed i calcoli potrebbero tornare dopo la fine del trattamento.

Raramente, le sostanze chimiche vengono passate nella colecisti attraverso un catetere. Il prodotto chimico dissolve rapidamente i calcoli. Questo trattamento non viene utilizzato molto spesso, perché è difficile da eseguire, i prodotti chimici possono essere tossici, e la calcolosi biliare può ritornare.

La litotripsia elettroidraulica ad onde d’urto della cistifellea è stata utilizzata anche per alcuni pazienti che non possono avere un intervento chirurgico. Poiché i calcoli biliari tornano spesso in molti pazienti, questo trattamento non viene molto utilizzato.

PROGNOSI: I calcoli biliari in molte persone si sviluppano senza provocare sintomi. La probabilità di sintomi o complicanze da calcoli biliari è bassa. Quasi tutti i pazienti che hanno subito la chirurgia della colecisti non hanno un ritorno dei sintomi. Possibili complicazioni possono essere:

  • Colecistite acuta;
  • Colangite;
  • Colecistite cronica;
  • Coledocolitiasi;
  • Pancreatite.

Contattare un medico in caso di:

  • Dolore nella parte superiore dell’addome;
  • Ingiallimento della pelle o del bianco degli occhi.

PREVENZIONE: Nella maggior parte delle persone, i calcoli biliari non possono essere evitati. Nelle persone obese, evitare una rapida perdita di peso potrebbe prevenire i calcoli biliari.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.


  • greco iolanda

    io sono state operata due anni fà , e da circa un mese o nuovamente gli stessi sintomi che devo fare vorrei un consiglio grazie xkeè sono in gravidanza di sei mesi

    • Cinzia Iannaccio

      Non siamo medici e quindi non possiamo risponderti. Di certo non credo che un intervento di colecisti sia fattibile al sesto mese di gravidanza…ma non si sa mai…parlane col ginecologo, magari ha una teraapia compatibile con la gestazione per alleviare i sintomi….

  • Pingback: Malattie del fegato, cura dal caffè? | MedicinaLive()