Cancro dell’endometrio

di Marco Mancini 5

donna con dolore al ventre

Cancro dell’endometrio

Il cancro endometriale è il cancro che inizia nell’endometrio, il rivestimento dell’utero.

CAUSE: Il carcinoma endometriale è il tipo più comune di cancro uterino. Anche se la causa esatta del cancro dell’endometrio non è nota, i livelli elevati di estrogeni sembrano esserne responsabili. L’estrogeno aiuta a stimolare la formazione del rivestimento dell’utero. La maggior parte dei casi di cancro endometriale si verificano tra i 60 e i 70 anni, ma alcuni casi si possono verificare prima dei 40.

I seguenti fattori aumentano il rischio di tumore dell’endometrio:

  • Diabete;
  • Terapia di sostituzione di estrogeni senza l’uso del progesterone;
  • Storia di polipi endometriali o altre escrescenze benigne del rivestimento uterino;
  • Sterilità;
  • Tamoxifene, un farmaco per il trattamento del cancro della mammella;
  • Donna mai rimasta incinta;
  • Obesità;
  • Avvio di mestruazioni in età precoce (prima dei 12 anni);
  • Inizio della menopausa dopo i 50 anni.

Sono spesso associate le seguenti condizioni:

  • Cancro al seno o al colon;
  • Ipertensione;
  • Malattia dell’ovaio policistico.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Sanguinamento uterino anomalo, anormali periodi mestruali;
  • Sanguinamento tra i periodi normali prima della menopausa;
  • Sanguinamento o perdite vaginali dopo la menopausa;
  • Episodi estremamente lunghi, pesanti o frequenti di sanguinamento vaginale dopo i 40 anni;
  • Dolore nel basso ventre o crampi pelvici;
  • Scarico vaginale bianco o trasparente dopo la menopausa.

DIAGNOSI: Un esame pelvico è spesso normale, soprattutto nelle fasi iniziali della malattia. Le variazioni di dimensione, forma o sensazione dell’utero o delle strutture circostanti possono essere viste quando la malattia è più avanzata. I test che possono essere effettuati includono:

  • Aspirazione o biopsia endometriale;
  • Dilatazione e raschiamento;
  • Pap test.

Se il cancro viene trovato, altri test possono essere fatti per capire quanto sia diffuso è e se si è diffuso ad altre parti del corpo. Le fasi del carcinoma endometriale sono:

  • Grado 1: Cancro solo in utero;
  • Grado 2: Cancro in utero e cervice;
  • Grado 3 meno aggressivo: Cancro diffuso al di fuori dell’utero, ma non oltre l’area pelvica. Il cancro può coinvolgere i linfonodi della pelvi o in prossimità dell’aorta;
  • Grado 3 più aggressivo: Cancro diffuso alla superficie interna dell’intestino, della vescica, addome o altri organi.

TERAPIA: Le opzioni di trattamento comportano un intervento chirurgico, la radioterapia e la chemioterapia. Un intervento di isterectomia può essere eseguito in donne con la fase iniziale della malattia. La rimozione dei tubi e delle ovaie (salpingo-ovariectomia) è generalmente raccomandata. L’isterectomia addominale è raccomandata per l’isterectomia vaginale. Questo tipo di isterectomia permette al chirurgo di guardare all’interno della zona addominale e rimuovere il tessuto per la biopsia.

La chirurgia in combinazione con la radioterapia viene spesso usata per trattare le donne con la fase 1 della malattia che hanno un’alta probabilità di ritorno, che si è diffusa ai linfonodi, o è ad un grado 2 o 3. La chemioterapia può essere considerata in alcuni casi, soprattutto per le pazienti con grado 3 e 3 aggressivo della malattia.

Lo stress della malattia può essere alleviato aderendo ad un gruppo di supporto per condividere esperienze comuni e problemi.

PROGNOSI: Il cancro endometriale è di solito diagnosticato in una fase precoce. Il tasso di sopravvivenza ad un anno è di circa il 92%. A 5 anni, per il tumore che non si è diffuso, è del 95%. Se il tumore si è diffuso in organi distanti, il tasso di sopravvivenza a 5 anni scende al 23%. Possibili complicazioni possono comprendere anemia a causa della perdita di sangue, una perforazione dell’utero e gli effetti collaterali dell’isterectomia, radioterapia e chemioterapia.

Contattare un medico se si hanno un anomalo sanguinamento vaginale o altri sintomi del carcinoma dell’endometrio. In particolare questo è importante se si dispone di eventuali fattori di rischio associati o se non si sono fatti esami pelvici di recente. Uno qualsiasi dei seguenti sintomi devono essere segnalati immediatamente al medico:

  • Sanguinamento o perdite dopo il rapporto sessuale o lavande vaginali;
  • Sanguinamento con una durata superiore a 7 giorni;
  • Mestruazioni che si verificano ogni 21 giorni o più;
  • Sanguinamento o perdite dopo 6 mesi o più di assenza di qualsiasi emorragia.

PREVENZIONE: Tutte le donne dovrebbero sottoporsi a regolari esami pelvici a partire dall’inizio dell’attività sessuale (o dai 21 anni se non sessualmente attive) per rilevare segni di infezione di uno sviluppo anormale. Le donne dovrebbero effettuare pap test a partire dai tre anni dopo essere state sessualmente attive.

Le donne con fattori di rischio per il tumore dell’endometrio devono essere seguite più da vicino dai loro medici. Frequenti visite ginecologiche e test di screening esaminati come un pap test e biopsia endometriale dovrebbero essere considerati. Le donne che assumono una terapia sostitutiva con estrogeni dovrebbero sottoporsi a regolari visite ginecologiche e pap test.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Photo Credits | Thinkstock

  • In alcuni casi i trattamenti chemioterapici, utilizzati per combattere i tumori possono lasciare effetti collaterali anche sulla pelle.
    Da parte nostra, il Board scientifico di “IL CORPO RITROVATO” è impegnato in attività di ricerca per l’accudimento, da un punto di vista dermo-cosmetologico, del paziente oncologico. Abbiamo attivato una community su Facebook e un forum sul nostro sito web dove è possibile ricevere e scambiare informazioni su questo delicato tema. Per info: http://www.ilcorporitrovato.org

    • Cinzia Iannaccio

      Grazie. In genere per ciò che mi è dato sapere quando si fa chemioterapia (ed anche radioterapia) vengono dati numerosi consigli, anche quelli dermatologici per la cura della pelle. Ben vengano però supporti specifici e qualificati come il vostro. Troppo spesso i consigli sono “sul momento” e poi…. E’ bello che ci sia un team di professionisti dedicati a dare una mano in tal senso. Guardarsi allo specchio e vedersi bene con la giusta cosmesi o i corretti trattamenti dermatologici aiuta a guarire meglio e prima!!!

    • Cinzia Iannaccio

      Contattateci [email protected] se volete, potremo approfondire la tematica