Lebbra

di Marco Mancini Commenta

Lebbra

La lebbra è una malattia infettiva conosciuta fin dai tempi biblici. E’ caratterizzata da piaghe sulla pelle, danni ai nervi e debilitazione progressiva.

CAUSE: La lebbra è causata dall’organismo Mycobacterium leprae. Non è molto contagiosa ed ha un lungo periodo di incubazione (il tempo prima della comparsa dei sintomi), che rende difficile stabilire dove o quando la malattia sia stata contratta. I bambini sono più sensibili degli adulti nel contrarre la malattia.

La lebbra ha due forme comuni, tubercoloide e lepromatosa, e queste sono state ulteriormente suddivise. Entrambe le forme producono piaghe sulla pelle, ma la forma lepromatosa è più grave perché produce grandi grumi deturpanti agli urti (noduli). Tutte le forme della malattia causano danni ai nervi delle braccia e delle gambe, che causano perdita di sensibilità della pelle e debolezza muscolare. Le persone affette da lebbra a lungo termine potrebbero perdere l’uso delle mani o dei piedi a causa dei ripetuti infortuni che derivano dalla mancanza di sensibilità.

La lebbra è comune in molti Paesi del mondo nei climi temperati, tropicali e subtropicali. I farmaci sono efficaci e l’isolamento nei “lebbrosari” non è più necessario. L’emergenza da farmaco-resistenza del Mycobacterium leprae, così come aumento del numero di casi nel mondo, ha portato ad una crescita di preoccupazione globale su questa malattia negli ultimi anni.

SINTOMI: I sintomi includono:

  • Lesioni cutanee che sono più leggere del colore della pelle normale;
  • Lesioni che diminuiscono la sensazione al tatto, al calore o al dolore;
  • Lesioni che non guariscono dopo alcune settimane o mesi;
  • Intorpidimento o sensibilità assente nelle mani, braccia, piedi e gambe;
  • Debolezza muscolare.

DIAGNOSI: Gli esami da effettuare includono:

  • Test cutaneo alla lepromina può essere utilizzato per distinguere la forma lepromatosa dalla tubercoloide, ma non viene utilizzato per la diagnosi;
  • Biopsia della lesione cutanea;
  • Raschiatura della pelle per i batteri acido resistenti.

TERAPIA: Un certo numero di diversi antibiotici sono usati per uccidere i batteri che causano la malattia. L’aspirina, prednisone, o talidomide sono usati per controllare l’infiammazione.

PROGNOSI: Il riconoscimento precoce è importante. Il trattamento precoce limita i danni, rende la persona non infettiva (non può trasmettere la malattia), e consente uno stile di vita normale. Possibili complicazioni possono essere:

  • Deturpazione estetica;
  • Danni permanenti ai nervi.

Contattare un medico se si hanno i sintomi della lebbra, soprattutto se si è entrati in contatto con qualcuno che ha la malattia.

PREVENZIONE: La prevenzione consiste nell’evitare lo stretto contatto fisico con le persone non trattate. Le persone che prendono medicine a lungo termine possono diventare non infettive (non trasmettono l’organismo che causa la malattia).

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>