Sindrome da iperviscosità

di Marco Mancini 1

Sindrome da iperviscosità

La sindrome da iperviscosità, o solo iperviscosità, è il rallentamento e il blocco del flusso di sangue che risultano quando ci sono troppi globuli rossi nel sangue. Questa condizione può capitare ad ogni età ma è più frequente nei neonati, dunque questo articolo prenderà in considerazione quest’ultimo caso.

CAUSE: L’iperviscosità può verificarsi quando la percentuale di globuli rossi nel sangue del bambino, chiamato ematocrito, è superiore al 65%. Ciò può derivare da varie condizioni che si sviluppano prima della nascita, come ad esempio:

  • Difetti alla nascita;
  • Ritardo nella chiusura del cordone ombelicale;
  • Diabete nella madre;
  • Malattie ereditarie;
  • Ipossia;
  • Sindrome da trasfusione doppia che si verifica quando il sangue si muove da un gemello all’altro.

I globuli rossi in più sono in grado di bloccare il flusso di sangue nei vasi sanguigni più piccoli. Questo può portare alla morte dei tessuti per mancanza di ossigeno. Questo flusso sanguigno ostruito può colpire tutti gli organi, compresi i reni, polmoni e cervello.

SINTOMI: I sintomi possono includere:

  • Estrema sonnolenza;
  • Problemi di alimentazione;
  • Convulsioni;
  • Colorito della pelle troppo rosso.

DIAGNOSI: Ci possono essere segni di problemi respiratori, insufficienza renale e ittero neonatale. Se il bambino ha sintomi di iperviscosità, un esame del sangue per contare il numero di globuli rossi (ematocrito) sarà fatto. Altri test possono includere:

  • Gas del sangue per controllare il livello di ossigeno nel sangue;
  • Zucchero nel sangue (glucosio) per controllare lo zucchero nel sangue;
  • Azoto ureico nel sangue (BUN), una sostanza che si forma quando la proteina si rompe;
  • Creatinina, una sostanza prodotta dai muscoli che possono accumularsi nel sangue, se i reni non funzionano correttamente;
  • Analisi delle urine.

TERAPIA: Il bambino sarà monitorato per le complicazioni dell’iperviscosità. Se necessario, una trasfusione di scambio sarà fatta per ridurre la quantità di globuli rossi che si muovono attraverso i vasi sanguigni del bambino. Altri trattamenti possono includere l’aumento dei fluidi corporei.

PROGNOSI: Le prospettive sono buone per i neonati con iperviscosità mite e per quelli che ricevono il trattamento per l’iperviscosità grave. Alcuni bambini possono avere lievi modificazioni nello sviluppo neurologico. I genitori che ritengono che il loro bambino possa mostrare segni di ritardo dello sviluppo devono contattare il proprio medico. Possibili complicazioni possono essere:

  • Morte del tessuto intestinale (enterocolite necrotizzante);
  • Diminuzione controllo motorio;
  • Insufficienza renale;
  • Convulsioni;
  • Ictus.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.