Bevande zuccherate, rischio di morte prematura?

di Ma.Ma. Commenta

Se siete soliti fare uso di bevande zuccherate è giunto il tempo di riflettere: uno studio pubblicato sulla rivista JAMA Network Open lancia l’allarme affermando che le persone che consumano bevande zuccherate più volte al giorno hanno maggiori probabilità di aumentare il rischio di morte prematura. 

Nel mirino sono le sostanza contenute nelle bevande zuccherate: additivi insolubili, zucchero, glucosio, destrosio e saccarosio che non farebbero bene alla salute, specialmente se usate per molto tempo perché l’organismo non è in grado di metabolizzarle.

Secondo lo studio sopra menzionato, le persone che consumano il 10% o più di calorie sotto forma di bevande zuccherate hanno un rischio maggiore del 44% di morire a causa di malattie coronariche e più del 14% di morte prematura per altre cause, a differenza di altre persone che consumano meno del 5% di questo tipo di bevande. Sarebbe soprattutto il cuore, dunque, a risentire di un uso prolungato di bevande zuccherate. Se proprio non riuscite a farne a meno, il succo di frutta è il meno dannoso anche se da bere assolutamente con moderazione. A differenza delle bibite gassate, però, contenendo frutta, garantisce anche l’apporto di vitamine. Ma un uso smodato dei succhi è comunque negativo per la salute dell’organismo. L’acqua, dunque, è sempre da preferire.

Ti potrebbe interessare anche:

Bevande Starbucks troppo zuccherate?

Bambini più aggressivi a causa delle bevande gassate?

Calcoli renali, tra le cause le bevande zuccherate: cosa bere?

Ictus, attenzione alle bevande gassate

Photo | Pixabay

 

 

Il motio sarebbe da ricercare nelle sostanze che le bevande zuccherate contengono: