Morso del gatto? Può portare al ricovero in ospedale

di Valentina Cervelli Commenta

I gatti sono animali incredibili con i quali rapportarsi, ma talvolta mordono e graffiano. Anche se solo per gioco. Questo atto per gli uomini potrebbe rivelarsi in qualche modo più pericoloso di quanto si pensi. Un loro morso infatti potrebbe portare una persona a necessitare il ricovero in ospedale. Niente allarmismi però: non sono necessari.

E’ comprensibile lo shock che potenzialmente state provando leggendo queste parole perché il concetto di vedere il gatto come pericoloso in tal senso è molto strano. Ma se il morso del gatto è abbastanza profondo può rivelarsi dannoso anche se l’animale è tenuto in perfette condizioni e sottoposto a tutte le vaccinazioni indicate dal veterinario secondo gli esperti. Forse non sapete infatti che i denti dei felini in generale e quindi anche quelli dei nostri gatti sono protetti da batteri che se vengono a contatto con il tessuto muscolare dell’essere umano sono difficili da eliminare anche con l’utilizzo di antibiotici?

Ora, va sottolineato che le conseguenze più “tragiche” di un morso di gatto difficilmente occorrono: questo non significa però che da parte nostra, nell’approcciarci ai nostri felini, ci debba essere una particolare attenzione all’igiene. Chi vi scrive lo ha provato un morso profondo di felino e non ha sviluppato nessuna infezione incurabile. Certo, ho ovviamente disinfettato il morso e l’ho tenuto sotto controllo, ma lo avrei fatto per qualsiasi ferita. Quello che è importante ricordare è che se si viene graffiati o morsi è sempre bene ripulire la ferita e disinfettare adeguatamente, in modo tale da proteggere la pelle aperta da qualsiasi tipologia di batteri. Ivi compresi quelli del cavo orale dei nostri amici animali.

A quanto pare questa difesa batterica presente sui denti dei felini attacca le cellule soltanto ad un certo strato di profondità con maggiore sensibilità in tal senso da parte delle donne che hanno superato i 40 anni di età ed una maggiore resistenza all’infezione del genere maschile.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>