Da Vinci, corso intensivo di robotica a Pisa dal 23 al 25 febbraio

di Valentina Cervelli Commenta

 Le innovazioni tecnologiche in continuo sviluppo possono rappresentare un ottima “arma” contro molte patologie. E’ però basilare che vi sia del personale addestrato ed altamente qualificato nel gestirle. E’ per questo motivo che dal 23 al 25 febbraio si svolgerà a Cisanello,  nel Centro multidisciplinare di chirurgia robotica dell’Aoup di Pisa  il corso internazionale di III livello, nella gestione dei robot cardiotoracici.

Parliamo di un master patrocinato dalla  Eacts-European association for cardiothoracic surgeons , la Società europea di chirurgia cardio-toracica, per il quale è prevista la presenza di operatori di tutto il mondo. Si tratta del completamento di un percorso formativo iniziato un anno fa a Bruxelles e proseguito a Lisbona. La sua importanza è strettamente collegata a quella dell’utilizzo della robotica nella chirurgia mini-invasiva ed in particolare nella cardiochirurgia. In questo ambito infatti la robotica è “standardizzata” in pochi centri sul territorio nazionale, tra i quali figura ovviamente Pisa.

L’obiettivo di questo incontro è quello di migliorare le prestazioni “robotiche” di chirurghi già esperti nel settore cardio-toracico  ed al contempo, grazie ad una messa in pratica di livello, spingere sia le società scientifiche che le case produttrici di queste apparecchiature a dare sempre di più pianificando macchine sempre più funzionali e precise.

Le diverse sessioni di pratica di terranno in due delle sale operatorie del Centro di chirurgia robotica dell’Aoup, entrambe dotate dell’ultima generazione del Sistema robotico da Vinci.

Per dare una idea del livello di perfezione raggiungibile citiamo testualmente dalla presentazione del corso:

Il sistema, dotato di doppia consolle, permette di  mostrare, da parte del chirurgo esperto, le varie fasi dell’intervento chirurgico e, al contempo, una visione tridimensionale del campo operatorio nonché l’utilizzo dei joysticks di cui è dotata la consolle, acquisendo così manualità e controllo nella coordinazione.

Un appuntamento importante in grado garantire la preparazione robotica di nuovi medici e la conseguente possibilità del paziente di usufruire di tecniche più efficiente e meno invasive.

Articoli Correlati:

Da Vinci, il robot chirurgo

Primo intervento al cuore con il Robot da Vinci

Aoup Pisa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>