Diabete, 4 benefici del consumo di patate dolci

di Valentina Cervelli Commenta

Sono 4 benefici che il consumo di patate dolci può apportare a chi soffre di diabete. Questi ortaggi, non propriamente diffusi nel nostro paese, possono essere gustosi ed al contempo fare bene alla nostra salute.

Le patate dolci sono più grandi e dalla forma irregolare rispetto a quelle tipiche delle nostre tavole. E mettendo da parte le loro ottime caratteristiche organolettiche concentriamoci su quello che possono fare per noi e per il nostro diabete.

1. Prevenzione

Il fatto che la patata sia in gradi di funzionare come una sorta di prevenzione nei confronti del diabete è un fatto sul quale anche la ricerca scientifica è d’accordo. Questo perchè, tra le altre cose, essa è povera di grassi e soprattutto la sua buccia contiene il caiapo: un estratto in grado di ridurre la glicemia basale, il colesterolo e l’emoglobina glicata.

2. Vitamina A

Come fonte di vitamina A la patata dolce è ottimale da essere consumata, ovviamente con le dovute proporzioni, per far assorbire al corpo le giuste dosi di questo nutriente. Chi soffre di diabete ha difficoltà a trasformare il beta-carotene in questa vitamina basilare per il corretto funzionamento del corpo.

3. Vitamina C

Si tratta di un nutriente importante per la persona diabetica perché capace di prevenire e approcciare la nefropatia diabetica che può svilupparsi se la malattia non è tenuta sotto controllo. Come antiossidante aiuta in generale la persona a mantenere uno stato di salute più che discreto.

4. Vitamina B6

Per la vitamina B6 ed il diabete è necessario fare un discorso a parte. Questo perchè non solo la stessa consente una corretta trasformazione dei carboidrati, dei grassi e delle proteine in energia, favorendo quindi dei valori glicemici bassi, ma avendo un effetto diuretico è anche in grado di tenere bassa la pressione sanguigna.

Certo la patata dolce è un ortaggio utile per chi soffre di diabete: contiene nutrienti importanti e aiuta senza dubbio l’organismo a rimanere in salute. Ma non basta solo questo: bisogna seguire le indicazioni dei medici e fare attività fisica per stare davvero bene.

Photo Credits | mama_mia / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>