Insulinoresistenza e metformina, alla ricerca di una gravidanza

di Cinzia Iannaccio 1

Richiesta di Consulto Medico

“Ho 36 anni, operata di endometriosi 2009 per ciste ovaio sinistro , che purtroppo è ritornata. Ho eseguito la curva insulinemica a causa di scarsa qualità di ovociti per tecniche di pma con i seguenti risultati: insulinemia 7.8, insulina dopo 60 minuti 81,6,insulina dopo 120 minuti 57.6.Mi consiglia l’assunzione della metformina ? Il medico curante dice di prendere 1 cpr da 500mg pranzo e cena. Non so cosa fare . Grazie”


Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema insulinoresistenza

 

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Email: [email protected] cell. 3458092414.  Per leggere le sue precedenti risposte ed interviste cliccare qui.

“Salve, i valori indicati sono leggermente aumentati; dovrebbe eseguire un dosaggio del Peptide C che è un ‘esame più specifico per valutare la resistenza insulinica. L’assunzione di metformina può aiutare ad aumentare la qualità degli ovuli associata ad acido folico e inositolo; è un farmaco tranquillo con scarsissimi effetti collaterali. La posologia mi sembra corretta; provare mi sembra la cosa migliore per l’obiettivo che si è prefissata. Cordiali saluti”

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Infertilità: un farmaco anti-diabete dato precocemente può prevenirla in donne a rischio  

Dormire poco può indurre insulino-resistenza anche nelle persone sane

Pre-diabete: come scoprire di esserne affetti | MedicinaLive

Cancro alle ovaie: metformina aumenta la sopravvivenza

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>