Smettere di fumare? Non ne ha voglia chi ha i polmoni malati

di Salvina 2

Smettere di fumare? No grazie! I fumatori più incalliti non vogliono saperne di smettere con il vizio delle bionde, e questo vale anche per quelli di loro che proprio a causa della cattiva abitudine del fumo sono affetti da patologie polmonari e dei bronchi come la BPCO (Broncopneumopatia cronica ostruttiva). Il 21 per cento di essi continua infatti a fumare imperterrito.

La gran parte di questi (il 76%) confessa la propria impossibilità a smettere pur riconoscendo al nocività del proprio comportamento, mentre il 25% ritiene di poter continuare a fumare dal momento che smettere non li condurrebbe comunque verso la guarigione, ignorando il fatto che si potrebbero in questo modo alleviare i sintomi come tosse e catarro. Per i pazienti più anziani invece “non varrebbe la pena”.


Questi i dati emersi dall’ “Indagine sulla percezione e il vissuto dei pazienti affetti da BPCO” condotta da CSD – Abacam Milano, per conto dell’ Associazione Italiana Pazienti BPCO, mediante la somministrazione di 326 interviste a pazienti affetti da questa patologia. Anche se, come afferma Mariadelaide Franchi, presidente dell’Associazione, esiste una buona parte dei pazienti che smette subito di fumare dopo avere ricevuto la diagnosi di Broncopneumopatia cronica ostruttiva.

I risultati dell’indagine sono stati diffusi in occasione del Mese del Respiro, che vedrà per tutto maggio iniziative volte alla sensibilizzazione dei cittadini verso i danni causati dal fumo e alla diffusione di informazioni, anche presso gli stessi pazienti, circa le patologie causate dal tabagismo. L’Associazione celebrerà l’iniziativa a Roma il 19 Maggio: andrà in scena al Teatro dei Satiri ‘BPCO: Un po’ di fiato…e un pizzico di follia’ (scritto e diretto da Pier Paola Bucchi).

Mentre l’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri e Ministero della Salute organizza il 24 maggio 2008 la Giornata nazionale del respiro con lo scopo di promuovere il miglioramento della qualità della vita delle persone affette da patologie respiratorie, ma anche e soprattutto la prevenzione delle loro cause.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>