Sindrome di Down: una nuova tecnica potrebbe guarirla

di Paola 1

Rafforzare un neurotrasmettitore chiamato noradrenalina in persone affette da Sindrome di Down potrebbe contribuire ad invertire la condizione, che è la causa più frequente di ritardo mentale nei bambini. Spiega Ahmad Salehi, l’autore principale dello studio, che è stato pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine:

Se si interviene precocemente, sarete in grado di aiutare i bambini con sindrome di Down a raccogliere e comprendere le informazioni. In teoria, questo potrebbe portare ad un miglioramento delle funzioni cognitive in questi ragazzi.

Salehi faceva parte di un gruppo di scienziati della Stanford University School of Medicine e dell’Ospedale Lucile Packard Children’s in California dove è usato un precursore della noradrenalina per invertire i deficit di apprendimento nei topi con sintomi molto simili a quelli osservati negli uomini con sindrome di Down.

I topi avevano tre copie di un frammento del cromosoma 16, mentre la sindrome di Down si verifica quando ogni cellula del corpo ha tre copie del cromosoma 21, invece delle solite due. I bambini con sindrome di Down, come i topi nello studio, soffrono di difficoltà di apprendimento contestuale e deficit di memoria.

Anche se i bambini non hanno ritardi nello sviluppo al momento della nascita, essi restano indietro nella capacità di utilizzare le informazioni ambientali, contestualizzare e formare nuovi ricordi, una funzione che dipende dalla parte dell’ippocampo del cervello. Normalmente, quando si formano i ricordi contestuali, i neuroni dell’ippocampo ricevono noradrenalina dai neuroni in un’altra parte del cervello, il locus coeruleus.

Ma nello studio dei topi con la sindrome di Down, i ricercatori hanno osservato che il locus coeruleus comincia a degenerare precocemente. Quando il locus coeruleus è degradato, i topi non superano nemmeno semplici test cognitivi che richiedono la conoscenza dei cambiamenti nel loro ambiente. Ma quando i topi hanno ricevuto i precursori della noradrenalina, che viene convertita nel cervello nei principali neurotrasmettitori e ormoni, il problema è stato risolto.

Questo studio spiega perché l’apprendimento contestuale è compromesso nella sindrome di Down e suggerisce una nuova strategia terapeutica, perché finora siamo stati concentrati su altri sistemi per il trattamento di persone con sindrome di Down. Questo dimostra che è la strategia che funziona, non una medicina. Se si utilizza un farmaco che si trasforma in norepinefrina o un farmaco che imita la noradrenalina e si lega ai recettori della noradrenalina, questo ha lo stesso effetto.

I farmaci che curano altre condizioni neurologiche, come la depressione e il deficit di attenzione-iperattività (ADHD), mirano anch’essi alla noradrenalina. Attualmente tale tecnica è in sperimentazione clinica per curare la fibromialgia negli esseri umani, una condizione cronica caratterizzata da dolore e stanchezza diffusa.

[Fonte: Health24]

Commenti (1)

  1. O UN FIGLIA APENA NATA CON SINDROME DI DOWN VOREI PIU INFORMAZIONI SE E POSIBILE O BIZONIO DI AIUTO PER LA MIA PICOLA MARTINA .GRAZIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>