Adenocarcinoma duttale al pancreas con metastasi ossee, che fare?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
“Salve le scrivo per avere delle info sulla gravità della malattia di mia mamma alla quale 3 anni fa le è stato diagnosticato un adenocarcinoma duttale alla testa del pancreas curato con chemio gembicitina e gemox poi dopo 12 mesi recidiva con metastasi ossee e chemio folfirinox . ……..

 

……..Referto: TC torace-addome (con MDC) Esame eseguito con tecnica spirale multistrato, prima e dopo somministrazione e.v. di mdc e refertato a confronto con il precedente esame TC del 24.01.2014. Torace Segni TC di enfisema centrolobulare, più evidenti ai lobi superiori. Aumentate in estensione e numericamente le aree di consolidazione parenchiamale a margini irregolari ed in parte spiculati, peribroncovascolari, precedentemente segnalate ed attualmente localizzate prevalentemente nei lobi inferiori; la maggiore di esse (4.7x3cm circa), disomogeneamente ipodensa, è apprezzabile in sede peribroncovasale tra i segmenti basale antero-mediale e basale laterale del LIS, le cui rispettive diramazioni bronchiali appaiono occluse poco dopo l’origine. A tale livello i rami bronchiali subsegmentari distali mostrano inoltre lume obliterato da materiale ipodenso in verosimile rapporto ad accumulo di secrezioni. Si associa attualmente nei lobi inferiori la presenza di multipli micronoduli sfumati centrolobulari e diffuso ispessimento di tipo prevalentemente liscio dei setti interlobulari. [……..]

Si conferma sostanzialmente invariato il tessuto ipodenso a contatto con il moncone pancreatico che si porta verso l’ilo epatico, ove circonda a manicotto i rami dell’arteria epatica di dx e di sn e l’arteria epatica comune sino in prossimità della sua origine dall’aorta; […….] Aumentata in estensione alterazione osteostrutturale di tipo prevalentemente litico dell’aletta sacrale dx estesa atualmente all’emisoma dx di S1, cui si associa quota di tessuto solido sostitutivo che si estende nei tessuti molli adiacenti; attualmente alterazione a carattere litico si apprezza a carico dell’emiporzione dx del soma di L5 con estensione all’emiarco neurale posteriore omolaterale ed a carico degli ultimi somi sacrali/coccigei. Multiple aree di osteorarefazione si apprezzano a carico dei somi lombari (ulteriore localizzazione di malattia?)

[……] CONCLUSIONI: I reperti descritti a livello parenchimale polmonare, alla luce dell’andamento evolutivo ed in presenza attualmente del tessuto linfoadenopatico descritto in sede retrocrurale dx e del consensuale ispessimento patologico della pleura costale in particolare a dx orientano più per diffusione polmonare di malattia che per alterazioni flogistiche; valutare tuttavia l’opportunità di eventuale esame broncoscopico sulla lesione di maggiori dimensioni localizzata nel LIS. A livello addominale si segnala la comparsa di localizzazioni sierose di malattia a livello della glissoniana epatica nelle sedi descritte. Progressione di malattia a livello scheletrico nelle sedi descritte. Sostanziale stabilità dei restanti reperti.”

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema adenocarcinoma duttale pancreas con metastasi ossee

Risponde il dott. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

“Gentile Utente, per quanto leggo, la patologia in oggetto interessa più sedi corporee con incremento della quota ossea. Il tutto sarebbe da correlare con i dati anamnestici e con le attuali condizioni generali ed ematochimiche della Paziente. Sempre per quanto descritto e per la tipologia di partenza della neoplasia, si tratta di una condizione assai seria. Cari saluti ed un grande in bocca al lupo per tutto. Dott. Carlo Pastore, oncologo”

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Carlo Pastore

 

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>