Tumore e paura di radioterapia e chemioterapia, risponde l’oncologo

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su tumore e paura di radioterapia e chemioterapia
Buonasera vi scrivo perchè sono terrorizzata all’ idea che mi possa essere consigliato di fare come terapia preventiva o la chemio o la radio. Io vorrei sapere per favore, se è proprio indispensabile con un referto istologico come il mio effettuare la radioterapia. Io nn riesco proprio ad accettare questa cosa e anche se al momento il medico mi ha detto che per ora devo solo fare uno stretto controllo con ecografia dei linfonodi, io non prendo pace e soffro di crisi di panico e depressione e la notte ho incubi e non riesco piu a dormire. Ho anche pensato di farla finita perche vivere in questo stato di ansia mi sta rendendo la vita impossibile……

…..Ho paura che tra due mesi con l’ecografia io abbia brutte sorprese e mi debbano o operare nuovamente o farmi fare chemio e radio Non riesco proprio ad accettarlo e sto malissimo Vi mando il referto istologico con la speranza che possiate aiutarmi a capire meglio a cosa vado incontro se rifiutassi di fare radio o chemio.  Grazie.  Ecco il mio referto. Età : 50 Sesso: F Divisione : Chirurgia Cervico Facciale Materiale inviato: Trigono retromolare di sinistra, radicalizzazione del margine laterale, margine anteriore del pavimento orale, osso mandibolare e dente premolare n35. Descrizione macroscopica: Lembo di mucosa del cavo orale di 3,5x2x1 cm, orientabile, con una neoplasia ulcerata, di 2,4 cm di asse maggiore, che dista 0,1 cm dal margine laterale, 0,4 cm dal margine mediale, 0,5 cm dai margini anteriore e posteriore. (A: Neoplasia con margine mediale e piano profondo; B: Margine anteriore; C: Margine posteriore). Radicalizzazione del margine laterale di 2,5 cm di asse maggiore, orientabile (D). Margine anteriore del pavimento orale: un frammento di 1 cm di asse maggiore, orientabile (E). Osso mandibolare TRM inferiore di sinistra: quattro lamine ossee di asse maggiore compreso tra 0,6 cm e 1,3 cm, orientabili (F). Dente premolare n35 di 2 cm di asse maggiore (G). Diagnosi istopatologica: A-C) Carcinoma spinocellulare scarsamente differenziato, ulcerato, infiltrante (massima profondità di infiltrazione 0,4 cm) e con infiltrazione perineurale focale. La neoplasia dista 0,1 cm dal piano profondo, ulteriore margine a 0,2 cm (in A). Margini di resezione esente da neoplasia (in B, C). D-G) Esenti da neoplasia. Staging: pT2 pNx Grading: G3.

 

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Carcinoma trigono e paura di radioterapia e chemioterapia

 

Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

 

Gentile Utente, dato lo stato di profonda prostrazione psichica, peraltro comprensibile, suggerirei consulto con psicoterapeuta di area oncologica. Tale figura professionale ad oggi entra a buon diritto nell’ottica di un approccio multimodale in oncologia medica. La radicalizzazione chirurgica di malattia macroscopica è un buon punto di partenza per la guarigione completa. Certamente opportuno un follow-up oncologico scandito da controlli radiologici periodici. Un consulto da un Collega radioterapista appare comunque opportuno in considerazione delle risultanze istologiche. Un grande in bocca al lupo per tutto Prof. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

 

 

Leggi anche:

Chemioterapia, cos’è e quando serve

 

 

 

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>