Mal d’orecchio, sintomi e cause correlate

di Cinzia Iannaccio Commenta

Il dolore all’orecchio può avere caratteristiche diverse a seconda della causa che lo provoca: può essere definito come un fastidio, un senso di oppressione interno, un brudiore forte, un dolore acuto. Talvolta è solo una sensazione dolorante, non un vero e proprio problema: ad esempio quando c’è molto vento che arriva a “pizzicare” il padiglione auricolare, si può parlare di mal d’orecchio a tutti gli effetti, ma questo non indica una patologia in quanto scompare non appena ci si ripara dal vento e quindi non è necessaria una terapia. Tra le cause più comuni di dolore all’orecchio troviamo comunque infezioni (batteriche, virali, fungine), acqua entrata con una doccia o una nuotata, tappo di cerume o scarsa produzione dello stesso, eccetera. Per fare una diagnosi occorrerà partire da un’analisi dei sintomi associati a dolore all’orecchio e la tipologia dello stesso. Ecco le varie differenziazioni che ci si può trovare ad affrontare.

male orecchio sintomi cause

 Infiammazione nel canale uditivo

Si accompagna solitamente ad un malessere generale (debolezza, sonnolenza, talvolta febbre più o meno alta). In caso di otite media esterna (infiammazione del condotto uditivo dietro il timpano) il dolore aumenta quando viene applicata pressione locale o in conseguenza della masticazione. Senza un trattamento adeguato, si può incorrere anche nella perdita dell’udito: dunque non va trascurato. In caso di otite media interna invece il dolore è più ricollegabile a sintomi neurologici quali: sensazione di instabilità quando si cammina, vertigini, nausea e vomito.

 

Lesioni

Esternamente possono esserci gonfiore e/o lividi. Talvolta la situazione è talmente grave da provocare un versamento di sangue dal canale auricolare (che se misto a liquido trasparente può essere indicativo di una frattura ossea locale). La rottura del timpano è un altro tipo di lesione grave: si può accompagnare a dolore intenso, tinnito, svenimento. L’intensità del dolore diminuisce mano a mano che si perde l’udito.

 

Corpi estranei nel condotto uditivo

Nei bambini capita più spesso di quanto non si creda: è la causa più comune di mal d’orecchio per loro. Non vanno poi esclusi gli insetti che si infilano involontariamente nel canale uditivo e non riescono a riuscire ( ovviamente questo capita anche agli adulti): spesso il tentativo di estrazione di tali corpi estranei comporta gonfiore, arrossamento, prurito e ovviamente dolore più o meno intenso. Meglio non cercare di intervenire da soli, ma rivolgersi ad uno specialista per l’estrazione di oggettini dal canale uditivo.

 

Problema alla mandibola

Quando la dolorabilità è intermittente, aumenta con la chiusura dei denti e la masticazione è probabile che ci sia un problema all’articolazione. In altri casi può capitare che un mal di gola, una tonsillite, una tonsillectomia, o un dente del giudizio possano essere le cause. Talvolta anche carie ed infezioni gengivali.

 

 

Leggi anche:

Dolore all’orecchio: cause, rimedi e cosa prendere

Mal dorecchio in aereo, cause e cosa fare?

Foto: Thinkstock