Lotta al diabete con la camomilla in laboratorio

di Redazione 1

Il potere guaritore di molte delle piante che riempiono gli spazi dei nostri giardini lascia ben sperare anche i maggiori scienziati del campo. Dopo una serie di studi durati diversi mesi, i ricercatori dell’Università Toyama, in Giappone, sono riusciti a dimostrare che, per ora la conferma arriva dai topi utilizzati come cavie, la camomilla è in grado di prevenire alcune delle complicazioni tipicamente associate al diabete di tipo 2, quali la perdita o il netto calo della vista e il danneggiamento dei reni con relativa perdita della sensibilità. Il diabete di tipo 2 insorge di solito in una fase della vita e dell’età avanzata ed è associato ad una vita sedentaria e all’obesità ed è ovviamente in crescita nel mondo sviluppato che vive i problemi di peso come una delle patologie più preoccupanti e di diffusione crescente.

Atsushi Kato, uno dei ricercatori a cui era affidato il compito di vagliare la sostenibilità della tesi, ha somministrato estratto di camomilla a un gruppo di topi diabetici per 21 giorni certificando e mostrando una notevole riduzione dello zucchero nel sangue e una ridotta attività di vari enzimi tipicamente associati alla malattia. Anche se i ricercatori avvertono che non é ancora il caso che i diabetici aumentino il loro consumo di camomilla, la ricerca sembra promettere di sviluppare nuovi medicinali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>