Viagra. Chi lo usa rischia l’infertilità?

di Salvina 3

Dopo avere illustrato ampiamente indicazioni, controndicazioni e usi alternativi del Viagra e dei suoi “simili” (Cialis e Levitra) eccoci di nuovo a parlare della famosa pillola blu! Stavolta però potrebbero esserci cattive notizie in arrivo per gli uomini che hanno trovato nel Viagra una cura miracolosa per i propri problemi di impotenza. Il ginecologo della Queen’s University Belfast, David Glenn, sostiene infatti che l’uso della pillola blu può danneggiare gli spermatozoi causando infertilità. La ricerca sarà pubblicata sulla rivista Ferility and Sterility ma ad anticiparne i contenuti è stato il quotidiano The Observer, nella versione on-line.

Nel corso di uno studio sperimentale campioni di sperma prelevati da alcuni volontari sono stati immessi in una soluzione a base di Viagra. Gli studiosi inglesi guidati da Glenn hanno così osservato che il composto danneggiava la struttura degli spermatozoi (più precisamente la parte apicale, il cosiddetto acrosoma) contenente degli enzimi utili per distruggere la membrana che circonda l’ovulo femminile permettendo così allo spermatozoo di fecondarlo.


Ma, secondo il dottor Glenn , il dato ancora più preoccupante è che presso alcuni centri specializzati per la fecondazione assistita viene somministrato il Viagra ai propri pazienti per aumentarne la fertilità col risultato invece di danneggiare ancora di più, almeno secondo lo studioso inglese, le coppie che hanno già problemi a procreare. Un invito alla prudenza arriva però dal Dottor Vincenzo Gentile, presidente della Società Italiana di Andrologia e primario di Urologia al Policlinico Umberto I di Roma. Infatti, afferma Gentile, il dosaggio di Viagra utilizzato per l’esperimento è piuttosto elevato e quindi superiore alla dose consigliata comunemente contro l’impotenza. Inoltre, esistono altri studi che dimostrano il contrario di quanto sostenuto dal Dottor Glenn. Il Viagra quindi non sarebbe dannoso per la fertilità. In ogni caso, come sempre, i dati ottenuti andranno approfonditi. Ma voi nel frattempo lo usereste?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>