Influenza, efficace vaccinarsi anche in ritardo?

di Valentina Cervelli 0

Se per qualche motivo ancora non vi siete vaccinati contro l’influenza, può rivelarsi comunque un’ottima scelta sottoporsi al vaccino antinfluenzale in ritardo, soprattutto calcolando i tempi medi di estensione della durata dei contagi di questa malattia.

L’influenza è una delle malattie stagionali con le quali ci siamo abituati a combattere. Il vaccino antinfluenzale, che di solito viene proposto ad ottobre-novembre per inoculamento, non “scade” in quanto a protezione se iniettato nella persona oltre quelli che sono i classici tempi indicati dai medici. Tutta una serie di studi clinici, come ci spiega l’Osservatorio Italiano sull’influenza, hanno dimostrato che gli anticorpi nel nostro organismo sono pronti a rispondere all’eventuale contagio della malattia già dopo 10 giorni dalla vaccinazione e che non vi è nessun pericolo ad eseguire la stessa quando il virus influenzale è già in circolazione.

Non dobbiamo poi dimenticare che l’efficiacia delle formulazioni disponibili è valida dagli 8 ai 10 mesi: va da sé che sottoporsi alla vaccinazione contro l’influenza in ritardo è valido allo stesso modo anche se lo si fa diversi mesi dopo dal periodo iniziale di comparsa della stessa. Soprattutto se si pensa che il picco massimo della malattia di solito si svolge tra i mesi di dicembre e marzo. Gli esperti hanno calcolato, analizzando i dati relativi all’influenza 2014-2015, come il picco dell’epidemia influenzale quest’anno non avverrà prima dell’ultima settimana di gennaio/prima settimana di febbraio. Fattore questo che rende possibile sottoporsi con successo alla vaccinazione antinfluenzale anche in questi giorni. Soprattutto in quelle che sono le categorie a rischio e che potrebbero aver bisogno più degli altri di un’ulteriore protezione.

Purtroppo i recenti provvedimenti di sospensione e ritiro di alcuni lotti di vaccino non hanno aiutato la copertura stagionale attuale di vaccinazione. Consultatevi con il vostro medico e provvedete in caso di necessità alla sottomissione alla stessa.

Photo Credits | Komsan Loonprom / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>