Raffreddore, 5 falsi miti

di Valentina Cervelli Commenta

Il raffreddore è una delle patologie più comuni che l’essere umano sperimenta. Ecco alcuni falsi miti da sfatare per conoscere meglio la malattia e non farsi condizionare da informazioni non corrette.

1. E’ causato dal freddo

E’ importante smettere di pensare al raffreddore come una patologia causata dal freddo. Si tratta infatti di una malattia causata da un virus al quale il nostro corpo diventa più sensibile nel momento in cui sperimenta uno stress termico imponente. E’ un fattore di rischio importante che non deve essere sottovalutato. Non è il freddo a fare ammalare ma il brusco cambiamento di temperatura che si sperimenta spesso tra interno ed esterno. Tipico anche dell’estate a causa dell’aria condizionata.

2. L’aria aperta favorisce la comparsa

Sono i luoghi chiusi e promiscui a favorire il contagio del raffreddore e non l’uscire nei grandi spazi aperti quando la temperatura scende. Altrettanto “pericoloso” può essere il camminare in luoghi affollati.

3. Gli antibiotici sono utili

Falso. Il raffreddore, come già anticipato, è un’infezione virale: l’antibiotico è completamente inutile come trattamento. Esso deve essere usato e sotto controllo e prescrizione medica se sopraggiungono complicanze di tipo batterico come bronchiti e polmoniti.

4. Bisogna prendere medicinali per guarire

Il raffreddore passa da solo nella maggior parte dei casi: anche senza alcuna terapia. Il vero problema quando si è affetti da questo disturbo è rappresentato dal respirare con la bocca: in questo modo l’azione di filtraggio della mucosa nasale non viene utilizzata e vi sono più rischi di complicanze batteriche. Un po’ di riposo ed uno stile di vita sano dovrebbero bastare a dare alla persona modo di riprendersi velocemente.

5. I lavaggi nasali non servono

Tenere il più possibile pulito e libero il naso consente non solo di respirare meglio ma di evitare, come anticipato, di bypassare completamente una delle maggiori difese che si hanno contro i virus e le infezioni.

Potrebbero interessarti:

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>