Neurologi, l’età adulta arriva a 30 anni

di Ma.Ma. Commenta

L’aspettativa di vita aumenta anno dopo anno e si diventa grandi a 30 anni: questo è quanto sostengono i neurologi. Secondo gli studiosi del cervello umano in sostanza le persone si comportano da eterni adolescenti per diventare veramente adulte solo quando compiono 30 anni.

Una buona scusa per chi tende a procrastinare le proprie responsabilità affidandosi da adesso in poi a quanto spiegato dai neuroscieziati nel corso di un meeting ospitato dall’Academy of Medical Sciences di Oxford. 

La posizione dei ricercatori è innovativa perché i loro studi confermano che a 18 anni si stanno ancora attraversando dei cambiamenti cerebrali che potrebbero influenzare il comportamento. 

Ma è anche vero che i ricercatori frenano delle definizioni troppo limitate e spiegano che in effetti la transizione fra l’infanzia e l’età adulta si compie in un caso di tempo molto lungo, lungo circa tre decenni e che appare piuttosto flessibile. 

D’altra parte, avere delle definizioni, può essere utile per il sistema educativo, quello sanitario o quello legale, proseguono i ricercatori, ma la realtà è ben diversa. 

L’età considerata di accesso all’età adulta è quella di 18, momento in cui si ha la facoltà di votare, di acquistare alcol e anche di non sottrarsi alle responsabilità con la giustizia, ma è anche vero che i ricercatori confermano che i giudici esperti sanno ben riconoscere  la differenza tra un imputato di 19 anni e un uomo, un criminale di 35 anni e più. Non potendo più parlare di tappe troppo prestabilite, non esiste neppure più il passaggio fra l’infanzia e la vita adulta. 

Depressione, se si manifesta nell’adolescenza, peggiora nell’età adulta

Proteggere il cervello, ecco come

Ipertensione nell’adolescenza, causata da Internet?

photo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>