Acne ed omeopatia, cura e prevenzione

di Tippi 3

L’omeopatia può essere una valida alleata contro l’acne, un’alterazione nella secrezione delle ghiandole sebacee e dei follicoli piliferi della cute, che si manifesta con la comparsa di pustole, cicatrici. L’età in cui si presenta con una maggiore frequenza è l’adolescenza, si parla, infatti, di acne giovanile, che tende a risolversi in modo spontaneo entro i 20-25 anni di età.

L’acne è un disturbo particolarmente resistente, la sua cura, infatti, richiede molta pazienza, e anche quando sembra essersi risolta, può ripresentarsi a breve distanza di tempo. Inoltre, non tutti riescono a sopportare le terapie a base di antibiotici o cortisonici. L’omeopatia, perciò può essere un’alternativa efficace.

Cura dell’acne

Il selenio è un rimedio naturale particolarmente indicato quando l’acne si presenta con comedoni e accompagnata da pelle grassa. Le dosi consigliate sono 5 granuli alla 9CH, 2 volte al giorno, per 60-90 giorni. Nel caso in cui l’acne, invece, è caratterizzata da grandi macchie purulente e dolorose, si consiglia l’hepar sulphuris nella misura di 3 granuli alla 9CH, 2 volte al giorno, per 40-60 giorni.

Anche la pulsatilla viene impiegata con efficacia nella cura dell’acne, soprattutto quando le macchie sono associate a squilibri ormonali. Le dosi consigliate sono 3 granuli alla 7CH, 2 volte al giorno, per 60 giorni. Quando invece le pustole sono di colore viola, dolorose e dure al tatto, si raccomanda l’uso dell’arnica montana, 3 3 granuli alla 7CH, 2 volte al giorno per 40-60 giorni.

Prevenzione dell’acne

L’acne è un disturbo particolarmente tenace, e sfortunatamente non esiste una vera e propria tecnica di prevenzione, tuttavia è opportuno evitare l’applicazione di cosmetici come cipria o fondotinta, che rischiano di peggiorare la malattia. E’ importante anche non eccedere nella pulizia ed evitare i lavaggi ripetuti con detergenti eccessivamente aggressivi. Piuttosto, è meglio adottare detergenti appositamente studiati per chi soffre di problemi di acne, dall’azione leggermente disinfettante.

E’ consigliabile anche non toccare troppo il volto e non schiacciare le pustole, perché in questo modo si rischia di far penetrare i batteri in profondità. Bisogna evitare anche l’esposizione al sole, che migliora solo in apparenza l’acne, per aggravarsi subito dopo.

Articoli correlati:

Il cioccolato non fa venire l’acne
Curarsi con gli aghi e le medicine omeopatiche

Fonte: Riza

Commenti (3)

  1. MI CHIAMO LINA E HO 41 ANNI. NONOSTANTE L’ETA’ CONTINUANO A SPUNTARE BRUFOLI SUL VISO. STO USANDO DIVERSI PRODOTTI MA TOLTO UN BRUFOLO CON QUALCHE POMATA NE ESCE UN ALTRO IN UN’ALTRA PARTE DEL VISO. COSA MI CONSIGLIATE?

  2. Ho trovato una cura che funziona benissimo contro la DERMATITE SEBORROICA e puoi funzionare altrettanto bene per l’ACNE
    Qui una grande soluzione naturale:MIELE+LIMONE+BICARBONATO
    1)togli il pus e lava il viso con il docciaschiuma “Dove GO FRESH ”
    (ogni tanto puoi anche alternarlo con un detergente per l’igiene intima)
    2)Asciuga il viso;
    3)con la punta del dito passate un pò di miele d’acacia su tutto il viso,
    4) inumidisci il viso strofinando (piano) uno spicchio di limone;
    5)infine quando il viso è ancora umido passa subito con la punta del dito del Bicarbonato di sodio (va bene anche quello nei supermarket da 1 kg).
    Il composto va tenuto sempre come una crema e ripetuto dopo ogni lavaggio
    Nel giro di 4 o 5 giorni il viso torna normale inoltre quando la pelle sarà sana il composto non darà più alcun fastidio ed è invisibile.

    FUNZIONA REALMENTE provatela e non ve ne pentirete.

  3. @ Dom:
    Chi mi assicura che non ci saranno effetti collaterali sulla mia pelle?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>