Obesità: l’intervento, tra chirurgia bariatrica e psicologia

di Paola Commenta

Una vera e propria strage, quella che miete ogni anno l’obesità in Italia. Nel nostro Paese si imputano a quella che ormai è considerata a tutti gli effetti un’epidemia ben 50 mila vittime.
L’eccesso di peso patologico scatena complicazioni profonde, non di rado fatali, dovute alla conseguente insorgenza di malattie croniche come il diabete, allo scatenarsi di patologie a carico del fegato, allo sviluppo di ipertensione ed al rischio aumentato di cancro.

Per non parlare dei pesanti effetti sulla qualità della vita, sia a livello di sfera sociale che per quanto concerne la sessualità e la vita professionale ma anche per disagi di natura prettamente pratica, legati ad esempio alla mancanza di ambulanze piuttosto che di barelle abbastanza capienti, alle difficoltà nel trovare l’abbigliamento adeguato e così via discorrendo.

Per gli esperti, l’obesità, quando l‘indice di massa corporea supera il valore di 40, deve far prendere in seria considerazione l’ipotesi di un intervento chirurgico.
La chirurgia bariatrica consente di ridurre il sovrappeso di una percentuale del 40-60%. Il dottor Lucio Rinaldi, esperto di disturbi del comportamento alimentare, spiega però che, per non inficiare il risultato dell’intervento, occorre offrire supporto psicologico ai pazienti, per invitarli a controllare le emozioni e a cambiare stile di vita non ricadendo nelle morse dell’obesità.

Per questo al Policlinico Gemelli è attivo uno sportello psichiatrico che ha il compito di seguire il soggetto obeso dal pre al post-intervento. Un’iniziativa avviata da un anno e che vede uniti gli sforzi congiunti di psichiatri e chirurghi, a tutela della salute psicofisica del paziente.  In molti casi, spiega Rinaldi,

l’obeso presenta significativa ansietà, ossessività, tendenza depressiva, una scarsa modulazione dell’aggressività, e trova nel rapporto con il cibo lo strumento di modulazione e di attenuazione di tali aspetti interiori.

Obesità e chirurgia bariatrica: gli interventi, i rischi ed i risultati

L’obesità si cura con la chirurgia: ecco le linee guida

Chirurgia bariatrica: inaugurato nuovo Centro in Campania

[Fonte: ASCA]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>