Birra contro la demenza senile

di Ma.Ma. 1

Birra per combattere la demenza senile? Secondo uno studio cinese della Lanzhou University pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, questa bevanda sarebbe un ottimo alleato per tenere a debita distanza l’invecchiamento. Il motivo è da ricercare nello xantumolo, una molecola contenuta proprio nella birra e che aiuterebbe a proteggere le cellule cerebrali dai cosiddetti danni ossidativi.

Delle proprietà benefiche della birra da sempre si sente parlare ma che questa bevanda potesse essere utile anche contro la demenza senile e tutte quelle malattie degenerative come l’Alzheimer e il Morbo di Parkinson è sicuramente una novità importante. Il luppolo contenuto nella birra aiuterebbe a combattere l’invecchiamento cellulare ed ecco perché gli studiosi che hanno individuato nella birra queste proprietà benefiche consigliano di bere quella amara ovvero quella che contiene più luppolo (e di conseguenza è più ricca di xantumolo). Ma la birra non sarebbe solo un valido alleato contro la demenza senile. Secondo i ricercatori cinesi che hanno condotto lo studio, coordinati dal professor Jianguo Fang, questa bevanda sarebbe utile anche per proteggere l’apparato cardio-vascolare grazie ai polifenoli che contiene e che, allo stesso tempo, svolgerebbero anche una spiccata azione anti-tumorale.

Lo xantumolo contenuto in grandi quantità in tutte le tipologie di birra sarebbe capace di ridurre il livello di stress ossidativo sulle cellule, un processo dannoso strettamente collegato all’avvento di malattie neuro-degenerative. Ovviamente, come in tutte le cose, occorre non esagerare: la birra può diventare un valido aiuto per la salute solo se consumata in giuste quantità. Un uso smodato di questa bevanda, infatti, provoca tutta una serie di effetti collaterali importanti e che non devono assolutamente essere sottovalutati.

BIRRA E SALUTE, PROPRIETÀ ED EFFETTI COLLATERALI

In ottica preventiva dunque la birra può comunque essere considerata un valido aiuto contro la demenza senile e tutte le malattie collegate all’invecchiamento cellulare.

Foto | Thinkstock

Commenti (1)

  1. Non credo davvero che la birra possa avere alcun effetto sulla cura della demenza senile e dell’alzheimer, tantomeno nel prevenirle.
    La cosa migliore è avere una dieta equilibrata e uno stile di vita sano. Inoltre si possono prendere degli integratori alimentari ( come questo http://www.cristalfarma.it/it/prodotti/illumina.html ) che sono utili a rallentare il declino cognitivo. Sono studiati scientificamente per sfruttare i benefici delle piante e mantenere una mente lucida, anche in vecchiaia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>