Cibo spazzatura, in arrivo la tassa?

di Tippi 1

Sul cosiddetto cibo spazzatura, pende la spada di Damocle. E’ in arrivo, infatti, una tassa che da un lato “punisce” i consumatori poco attenti alla salute, e dall’altro finanzia la costruzione di nuovi ospedali. Il provvedimento, presentato dal ministro della Salute Renato Balduzzi, sarà vagliato alla Conferenza delle Regioni, dove si discuterà del nuovo piano salute per il triennio 2013-2015. In ballo anche un riassetto legato ai ticket sanitari, alle esenzioni e ai nuovi tetti per la spesa farmaceutica.

Già da diversi anni si punta il dito contro i grassi idrogenati del cibo spazzatura. Con questo termine, infatti, si fa riferimento a tutti quei prodotti (per lo più commercializzati da multinazionali) praticamente privi di valori nutrizionali: merendine in primis, hamburger, bibite gassate e non, snack di vario tipo, caramelle, ricchi di calorie, coloranti, sostanze chimiche e conservanti.

Quest’estate, inoltre, la Coldiretti aveva avanzato una proposta analoga a quella del ministro della Salute, e chiedeva che venissero tassate le bevande gassate per favorire un più salutare consumo di frutta. Proprio le bibite, infatti, sono per la quasi totalità acqua con l’aggiunta di bollicine, coloranti, zucchero o dolcificanti sintetici, additivi e acido fosforico. In parole povere, calorie prive di vitamine e valori nutritivi.

Senza considerare le numerose ricerche condotte sul tema, l’ultima, in ordine di apparizione, mette in guardia chi consuma il cosiddetto “junk food” dai pericoli per il cervello. Secondo gli studiosi della Oregon Health and Science University di Portland, infatti, mangiare il cibo spazzatura ha implicazioni negative non solo per la nostra linea e la salute del cuore, ma anche del cervello.

A finire sotto accusa, sono ancora una volta i grassi idrogenati, una minaccia per la salute spesso sottovalutata, nonostante la scienza abbia oramai appurato da anni che siano nocivi, provocando l’aumento del rischio cardiovascolare, l’innalzamento del colesterolo cattivo. L’idrogenazione è un processo chimico attraverso il quale gli acidi grassi polinsaturi vengono parzialmente saturati. I vantaggi, esclusivamente dal punto di vista industriale, è bene sottolinearlo, sono molteplici.

Con l’idrogenazione, infatti, migliora la consistenza di alcuni prodotti, come la margarina, ad esempio, la conservazione, la stabilità alla alte temperature (quindi possono essere utilizzati più volte per friggere). I costi, così, si abbassano, ma a scapito della qualità e della nostra salute!

Gli alimenti più a rischio sono la margarina, i dolci confezionati, la pasta sfoglia confezionata, il cibo dei fast food, dadi da brodo, salatini, patatine e snack vari.

Photo Credit|ThinkStock

Commenti (1)

  1. La classica CRETINATA: Il governo italiano pensa a tassare il cibo spazzatura… e l’idea piace agli italiani? Questo è indice di IGNORANZA alimentare!
    Come si spiega il governo e come si spiegano gli italiani, il fatto che l’attuale sottosegretario alla SALUTE, prof. Cardinale, che è un medico… sia anche obeso? Forse immaginando che il sottosegretario mangi giornalmente ‘cibo spazzatura’! Il medico e sottosegretario alla salute prof. Cardinale è diventato obeso, verosimilmente, mangiando sano… come descritto nel libro: “Mangiare sano e morire grassi” http://www.vitasanas.ch/wp/?page_id=374
    Il libro, infatti, illustra perché s’ingrassa anche mangiando sano e perché non ci sono cibi che fanno ingrassare, se si conosce il proprio metabolismo basale (oggigiorno misurabile in pochi minuti). Conoscendo il proprio metabolismo, si può valutare il proprio fabbisogno calorico (cioè la quantità di calorie che il PROPRIO corpo è in grado di bruciare), che dipendente dal metabolismo e dall’intensità e durata dell’attività fisica (lavoro e tutte le altre attività fisiche), .
    Il fabbisogno calorico, come ben risaputo, varia da persona a persona anche perché ognuno di noi ha un proprio metabolismo basale (in parte geneticamente ereditato) e una propria attività fisica!
    Quindi è illusorio voler combattere l’obesità tassando i cibi spazzatura!? L’obesità la si combatte istruendo NEUTRALMENTE i cittadini! Neutralmente significa, tenendo conto del fatto che è proprio la scienza (e l’industria che la finanzia) as ALIMENTARE la confusione!
    Buon appetito e un sano saluto dalla Svizzera Dr. Leoluca Criscione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>