Cioccolato contro l’ictus emorragico

di Marco Mancini 0

Buone notizie per gli amanti del cioccolato: uno studio di Harvard sostiene che un paio di quadratini di cioccolato fondente al giorno potrebbero ridurre il rischio di ictus emorragico di ben il 52 per cento.
Purtroppo per  i golosi, però, la stessa ricerca ha anche scoperto che il cioccolato non sembra avere alcun vantaggio di protezione per il tipo più comune di ictus.

Un ictus ischemico si verifica quando un vaso sanguigno che fornisce sangue al cervello si blocca, in parte o completamente. Questo tipo di ictus riguarda l’80% dei casi di ictus, secondo i dati forniti dallo US National Institute of Neurological Disorders and Stroke. Gli ictus emorragici, che si verificano quando un vaso sanguigno del cervello scoppia e provoca sanguinamenti nel cervello stesso, costituiscono invece circa il 20 per cento di tutti i casi di ictus.

“Ci sono diversi possibili meccanismi, ma l’effetto del cacao sulla salute cardiovascolare sembra essere dovuto al suo effetto sulla pressione sanguigna, e alla capacità di migliorare la flessibilità dei vasi sanguigni”, ha detto l’autore dello studio, il dottor Martin Lajous, dottorando presso la Harvard School of Public Health di Boston.

Ma ha aggiunto che “è difficile capire perché il cioccolato abbia effetti positivi proprio contro l’ictus emorragico.”


I risultati dello studio sono stati presentati mercoledì scorso alla conferenza della American Heart Association’s sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari, svoltasi a San Francisco.
Il vantaggio attribuito ai prodotti a base di cacao deriva da  alcune sostanze che contengono conosciute come flavonoidi, che si ritiene aiutino a proteggere nei confronti di alcuni fattori di rischio delle malattie cardiovascolari, come la pressione arteriosa e la coagulazione del sangue.

Nello studio, i ricercatori hanno esaminato i dati di 4.369 donne di mezza età francesi, nessuna delle quali aveva malattie cardiache, all’inizio dello studio nel 1993, tutte normopeso.
Quando è iniziato lo studio, le donne hanno fornito un resoconto dettagliato dei prodotti alimentari che avevano mangiato nelle ultime 24 ore. I ricercatori hanno calcolato il consumo di cacao cercando in sette prodotti alimentari, in particolare: barre di cioccolato fondente, caramelle, bevande al cioccolato, mousse al cioccolato, il cioccolato che riempie i croissant, i biscotti al cioccolato e i dolci al cioccolato.
Nei successivi 12 anni, a 493 delle donne è stata diagnostica una malattia cardiovascolare: 200 hanno subito attacchi di cuore e 293 hanno avuto un ictus. Degli ictus, 189 sono stati ischemici e 91 sono stati emorragici.

Dopo aver aggiustato i dati per tenere conto di fattori di rischio noti per le malattie cardiovascolari – come il fumo, l’attività fisica, il peso, la pressione sanguigna ed i livelli di colesterolo e il diabete – i ricercatori hanno trovato una differenza statisticamente significativa relativamente al rischio di malattie cardiovascolari tra i più alti livelli di consumo di cacao e i più bassi.
Nelle donne che mangiavano più di 9 grammi di cioccolato al giorno, il rischio di ictus emorragico è stato del 52 per cento inferiore a quello di chi consumava meno di 0,1 grammi di cioccolato al giorno.
Lajous ha detto che 9 grammi equilvagono a circa due o tre quadratini di cioccolato, e ha osservato che le donne francesi dello studio di solito consumavano cioccolato fondente, che contiene circa il 35 per cento di cacao.

“I nostri risultati sono interessanti, ma devono essere confermati da altri studi”, ha aggiunto.

[Fonte: Health.com]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>