“C-Day”: C come Caterina, C come Cavina e C come Ciccione

di Tiziana Veronico Commenta

E’ uscito da appena un mese ma si sta diffondendo a vista d’occhio. E’ il libro di Caterina CavinaLe Ciccione lo fanno meglio” e sta facendo parlare di sè. Ma cicciona è un termine simpatico, buffo, un eufemismo con il quale non dire obesità. L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) parla di obesità come di un’epidemia estesa a tutta l’Europa. Inoltre stima che nel mondo ci sono circa 300 milioni di persone in sovrappeso, cioè obese indicate in una vera e propria categoria di ammalati, i clinically obese. Queste rischiano o già hanno gravi ripercussioni sulla propria salute, per non parlare dei problemi psicologici che comporta.


Invece Caterina Cavina, 1,80 m per 145 kg, pubblica il suo libro, nel quale coglie un aspetto positivo per le donne in sovrappeso: …“lo fanno meglio”. In realtà spiega come può agire positivamente la legge della compensazione: se manca la bellezza e il peso forma, la donna può diventare più brava con gli uomini perchè, per forza maggiore, si impegna di più a sviluppare altre qualità.

Nella seduzione, spiega, è compreso un ideale di bellezza, ma c’è un’altra componente più importante che tutte possono possedere o sviluppare: “la capacità di mostrare la propria libido e la propria sessualità”. E’ questa l’arma segreta di Caterina Cavina per conquistare gli uomini, che a lei non mancano proprio per questa caratteristica. Infatti ha raccontato storie che veramente le sono capitate: l’incontro di uomini impegnati ma insoddisfatti sessualmente perchè partner di donne magre, senza fantasia e noiose tra le lenzuola.

Attraverso il libro ci si interroga se bisogna essere per forza magre e belle per essere felici. L’autrice risponde di no ma allo stesso tempo si lamenta dei risvolti negativi del sovrappeso, che si fa sentire soprattutto quando sale le scale, o quando non trova i vestiti per la propria taglia. Magari lei è una donna forte, ci ha fatto un blog, un libro e ne parla in pubblico della sua obesità ma…non tutto è semplice come sembra e non tutti sono così forti da convivere felicemente con la proprie forme abbondanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>