App anticoncezionale funziona come la pillola?

di Valentina Cervelli Commenta

L’app anticoncezionale funziona come la pillola? E’ questo quello indicherebbe uno studio comparativo recentemente condotto: tenere traccia della propria ovulazione attraverso delle applicazioni specifiche, secondo gli scienziati, potrebbe avere la stessa efficacia del noto strumento ormonale.

donna prende pillola

Ovviamente questo assunto è valido se la coppia segue senza alcun sgarro lo schema tracciato dalle stesse consumando rapporti sessuali solo in giorni specifici. Sono moltissime le applicazioni disponibili per smartphone per calcolare il ciclo fertile della donna e deve essere ammesso che alcune possono realmente essere considerate più valide di altre. Per il loro studio gli scienziati hanno deciso di utilizzare la “Natural Cycles fertility monitor” che usa per i suoi calcoli la temperatura corporea giornaliera per indicare alle donne i loro giorni fertili. Non è un’invenzione: la temperatura basale della donna sale leggermente dopo l’ovulazione e rimane alta fino a qualche giorno prima della mestruazione. E’ possibile quindi comparando le informazioni a disposizione scoprire in quali giorni non vi sia il rischio di una gravidanza.

I ricercatori del Karolinska Institute hanno eseguito il loro studio su un campione di 4,000 donne svedesi di età compresa tra i 20 ed i 35 anni. E’ stato chiesto a tutte di utilizzare l’app secondo le istruzioni d’uso della stessa. Delle mille donne in grado di utilizzare correttamente l’applicazione solo 5 sono incappate in un una gravidanza indesiderata. Tra coloro che ne hanno fatto un uso scorretto, dimenticando di inserire dati o non rispettando gli schemi di fertilità indicati dalla app, circa 7 donne su 100 sono rimaste incinte. I dati sono stati pubblicati sulla rivista di settore European Journal of Contraception and Reproductive Healthcare.

Come evidenziato dall’articolo prodotto dai ricercatori, l’applicazione anticoncezionale si è rivelata efficace nel momento in cui le donne sono state in grado di utilizzarla correttamente. Ed è questo il concetto chiave per il quale un app non potrà mai funzionare bene quanto una pillola anticoncezionale: la copertura del medicinale, a differenza di quella del programma di calcolo, è totale.

Photo Credits | Image Point Fr / Shutterstock.com