Problemi di erezione come risolverli in ragazzo giovane?

di Cinzia Iannaccio 1

Richiesta di Consulto Medico
Gentili dottori, Spero di poter ricevere un aiuto (seppur via web) per quanto mi è successo in questa ultima settimana per la prima volta nella mia vita. Sono un ragazzo di 27 anni, di buona salute, faccio sport e non ho mai avuto problemi di erezione fino alla scorsa settimana. Per tutto il mese di novembre mi sono frequentato con due ragazze avendo rapporti con entrambe e senza nessun tipo di problema, finchè ho deciso un giorno (anche per coerenza) di proseguire la frequentazione solo con una di esse. Fino alla scorsa settimana, ho avuto rapporti con lei senza problemi e con una erezione che soddisfaceva senza problematiche. Una sera però, preso probabilmente dalla foga emotiva e del sentimento che provo con lei iniziando ad avere il rapporto con lei, la mia erezione è scesa e non c’è stato modo di riprenderla.

Per motivi anche virili, mi sono inventato una scusa e ho fatto finta di sentirmi poco bene per evitare l’argomento, idem questa settimana quando si è ripetuta la stessa cosa. In questo momento sono parecchio in crisi, ho un blocco che sento all’altezza del diaframma e un’ansia che continua a perseguitarmi che mi fa vivere male ogni cosa. Paura di non riuscire più ad avere un’erezione, paura di perderla, mangio poco quando prima mi abbuffavo senza un domani e inoltre non mi sento più attratto in nessun modo da nessuna, mi sento come alienato e continuo a fare prove su me stesso per vedere e capire se tutto funziona correttamente e anzichè, far venire tutto nella maniera più naturale sto sforzando tutto. Ho prenotato una visita dal mio medico base in questi giorni per farmi prescrivere un aiuto per sistemare quantomeno il problema dell’erezione (ma funziona con tutta questa ansia?) e vedere se anche psicologicamente può aiutarmi un pochino a riprendere la mia strada correttamente. Voi che ne pensate? Vi ringrazio di cuore per tutte le risposte che mi darete.

Tipo di Problema Problemi di erezione come risolverli?

 

 

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per appuntamenti Email: [email protected] Segreteria cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81. Si prega di utilizzare il numero telefonico ESCLUSIVAMENTE per appuntamenti e non per richieste di ulteriori consulti.

 

 

Salve, mi pare chiaro che il problema sia legato allo stato emotivo che sta vivendo e forse al rapporto con la sua compagnia; mi sento di escludere cause organiche; l’uso di inibitori della 5 fosfodiesterasi possono aiutarla, ma possono anche non servire visto che essi agiscono solo se c’è un desiderio sessuale vivo; io consiglio prima cosa di parlare del problema con la compagna e con altre persone, secondo magari di parlare con uno psicoterapeuta che la può aiutare più di ogni altro farmaco

Cordiali saluti

 

 

Risponde la dott. Maria Barbarisi Psicologa Forense e psicoterapeuta. La dottoressa Barbarisi effettua sedute di psicoterapia anche via Skype.

Per contatti diretti: [email protected] tel. 3395995666.

 

Non credo sia un problema legato ad ansia da prestazione. Penso piuttosto che sia subentrato un momento di stress che ha rotto le difese inconsce su problematiche risalenti all’infanzia e che di conseguenza si sono riflesse sulla sfera sessuale attuale. Io non mi preoccuperei ma, comincerei una psicoterapia mirata alla ricerca della causa che hai rimosso da bambino. Una volta trovata, la elabori attraverso i meccanismi di difesa maturi e vedrai che starai nuovamente bene.

 

 

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post su argomenti simili:

Varicocele e problemi di erezione, che fare

Disfunzione erettile (impotenza)

Impotenza giovanile: cause, rimedi e forum per parlarne

Disfunzione erettile, farmaco in crema come terapia

Problemi di erezione, cura con l’alga ecklonia bicyclis

 

 

 

 

 

Per porre altri quesiti ai nostri specialisti potete visitare la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive” ed inviare la domanda attraverso il form specifico.

E’ doveroso da parte nostra ricordare e sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Photo Credits | Hugo Felix / Shutterstock.com

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>