Quando la radioattività era una terapia medica

di Daniele Pace Commenta

Una volta, la radioattività era considerata benefica, e utilizzata per curare e abbellire il corpo. Un film ricorda quel periodo.

Sembra assurdo, ma in realtà, i primi tempi della medicina moderna sono stati pieni di errori, come quello di usare la radioattività per curare le persone.

Nel 1902 il radio venne scoperto dai coniugi Curie, e ultimamente, un film ha riportato l’attenzione sulle tante vittime di questo elemento, utilizzato in tante applicazioni senza nessuna cautela, come quando ci si fabbricavano gli orologi.

Il film racconta delle vittime, ragazze minorenni, che dal 1914 lavorarono per la Us Radium Corporation. Dovevano passare il radio sulle lancette, per farle diventare fluorescenti. Iniziarono a stare tutte male, e oggi vengono ricordate come uno degli orrori del capitalismo, pronto a far soldi a qualunque costo.

Il radio e le terapie mediche

Il radio è luminescente e i suoi sali emanano calore. I coniugi Curie avevano avuto problemi di salute con il radio, ma ai primi del novecento si pensava che le cose tossiche, se prese in minimo dosaggio, aumentavano la forza del corpo contro le malattie.

Ma la radioattività non è un veleno di serpente, che serve a fare medicinali. All’epoca invece veniva dato come cura, per tutto.

L’americano William J. Hammer lo pubblicizzò in molte conferenze, e siccome era del team del grande inventore Edison, la gente credette che poteva essere usato contro il cancro.

Addirittura divenne un ingrediente per il burro, per le bevande, e venne usato nella cosmetica. Divenne l’elemento principale del Tho-Radia, una linea completa per la bellezza, usato in Francia. L’Italia si salvò, forse perché poco industrializzata ancora.

Addirittura radioattivo era considerato un concetto buono, un elemento tonico e salutare. E poi gli orologi, che divennero molto diffusi durante la prima guerra mondiale, ma dovevano essere fluorescenti, facendo ammalare le povere ragazze che applicavano il radio con un pennello. Operaie ben pagate, che però non sapevano che avrebbero pagato con la vita. Perché all’epoca si usava bagnare il pennello con la saliva, per non sprecare il materiale, ma questo fece assimilare il radio alle ragazze molto più velocemente.

In cinque anni arrivarono i primi problemi di salute, e un giorno un dentista e un medico capirono perché le ragazze stavano male. Grace Fryer andò dal dentista per un problema ad un dente, ma il medico scoprì che la mandibola era completamente rovinata dalle radiazioni. Il cancro alle ossa e al sangue aveva ormai preso le ragazze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>