Leptoprol Impianto 3.6 per cura carcinoma mammario

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su leptoprol per cura carcinoma mammario
Salve dottore… Io sono una paziente oncologica …sono in cura per un carcinoma mammario infiltrante… Sono stata operata di quadrectomia il 3 gennaio…attualmente sto facendo la radioterapia…e prendendo il tamoxifene. Il dottore mi ha anche prescritto questa siringa di leptoprol 3.6 mg una volta al mese…però non vorrei che si fosse sbagliato perché una mia amica dice che è un medicinale adatto solo per chi ha carcinoma della prostata e che non è adatta alle donne. Lei cosa dice? E’ vero…non è che ci sia qualche errore? Grazie attendo una vostra risposta.

 

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Leptoprol 1 Impianto 3 6 mg per cura carcinoma mammario
Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti diretti www.ipertermiaitalia.it

 

Gentile Signora, la leuprorelina (principio attivo comune a diversi brand commerciali) si usa anche nel trattamento delle Pazienti con neoplasia mammaria non in menopausa. Quindi la prescrizione è corretta. Cari saluti Prof. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

 

Cancro al seno | MedicinaLive

Chemioterapia tumore al seno, i migliori farmaci per la … – MedicinaLive

 

 

 

 

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock