Smettere di fumare: i programmi della dissuefazione dal fumo del Ministero della Salute

di liulai Commenta

Da oggi non fumo più”. Sembra facile… ma solo a chi non fu­ma! Quelli che invece lottano ogni giorno con la voglia di smettere e la frustrazione di non riuscirci sanno che non basta la buona volontà. Né servo­no granché gli spauracchi stampati sui pacchetti di sigarette (si sono triplica­te le vendite di portasigarette!) o gli allarmi di statistiche mediche: l’abitudi­ne prevale! Per i dati, su sei persone che fumano un pacchetto di sigarette al giorno, una morirà di cancro al pol­mone e per gli altri sono dietro l’ango­lo malattie cardiovascolari o altre pa­tologie… ma il fumatore si aggrappa alla speranza di un benigno Dna. Come riconosce un pioniere della lotta al tabacco come Giacomo Mangiaracina, medico spe­cialista in Salute Pubblica, coordina­tore dell’Arca Tabagismo Lega Italia­na contro i Tumori, presidente della Società Italiana Tabaccologia, in prima linea sul fronte della salute ma senza durezza da “cac­cia alle streghe”:

 «Smettere di fumare interrompe un rapporto emozionale, è una separazione e va compensata. Non si parla più di metodi per smettere di fumare ma di un “percor­so di cambiamento attraverso vari stadi: negazione del problema, con­templazione (`forse dovrei smettere’), scelta, azione»

spiega lo specialista e precisa che il problema è più cultura­le che scientifico, che la persona va aiutata a percepire la propria patologia di dipendenza,

«con delicatezza, cominciando da un colloquio clinico, verificando poi il grado di dipendenza attraverso le risposte a un modulo, va­lutando le possibilità di riuscita in ba­se anche al contesto di vita e all’impe­gno necessario».

 

Insomma, per sperare in risultati duraturi gli attuali 12-13 milioni di fumatori andrebbero orien­tati verso specifiche competenze pro­fessionali. Ribadisce Francesco Schittulli, presidente della Lega Tumori:

“Il fumatore non è un nemico da ab­battere ma una persona da aiutare, un concetto culturale che è bene riprenda a farsi strada tra gli integralisti antifu­mo. La LILT pronta alla sfi­da in questa svolta con le sue struttu­re, i suoi uomini e i suoi volontari. È dimostrato che il consiglio del medico curante può incrementare il numero di fuma­tori che fanno seri tentativi di smette­re. La percentuale di quanti riescono a ottenere risultati stabili sembra limi­tata (5%) ma questo approccio raggiunge un gran numero di persone con risultati rilevanti a livello di popola­zione”

nota l’Osservatorio Fumo:

«Tra il personale sanitario la prevalenza di fumatori è paradossalmente più elevata di quella della popolazione generale».

Vari i metodi per “provare a farcela“. A qualcuno bastano esercizi di rilassamento che limitano ansia e stress. Per altri funziona l’agopuntura, con o senza supporto omeopatico la terapia di gruppo. Integrata da farmaci la te­rapia nei Gruppi di Fumatori in Trat­tamento, GFT, metodo sperimentato e perfezionato in Italia da Mangiaraci­na («non si fa il lavaggio del cervello ma si parla del cambiamento»), alla base dei programmi  per la dissuasione dal fumo  del ministero della Salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>