Smettere di fumare per vederci meglio

di Marco Mancini 3

Nel 1982, un rapporto dello United States Surgeon General’s affermava che “non c’è nessuna singola azione che un individuo possa fare per ridurre il rischio di cancro più efficace dello smettere di fumare”. A distanza di decenni, quella dichiarazione è ancora valida. Quando una persona smette di fumare, ha immediato inizio un processo di risanamento dell’organismo: la frequenza cardiaca scende verso il ritmo normale, migliora la circolazione, e il rischio di avere un infarto o un ictus o di sviluppare alcuni tipi di tumori associati al fumo, inizia a diminuire progressivamente.

Anche gli anziani che smettono di fumare dopo tanti anni possono avere degli effetti positivi. Un fumatore che smette di fumare a 65 anni riduce della metà il rischio di morire di malattie legate al tabacco. E un recente studio ha dimostrato che le donne anziane che si liberano dal vizio sono in grado di ridurre le probabilità di sviluppare la maculopatia retinica degenerativa (AMD), una malattia che può ridurre significativamente la qualità della vità di una persona.
L’AMD è la causa principale di perdita della vista negli americani che hanno 60 anni di età ed oltre. Non provoca cecità totale, ma provoca la sfocatura o un punto cieco nella parte dell’occhio responsabile della visione centrale, la macula. Una chiara visione centrale è necessaria per leggere, guidare, riconoscere i volti e fare un lavoro dettagliato. Il fattore di maggior rischio per AMD è l’età, ma la storia di famiglia (quelli con stretti vincoli di parentela con la malattia), la razza (i bianchi sono più a rischio degli afro-americani), donne (a rischio maggiore rispetto agli uomini), l’obesità e il fumo possono anche aumentare il rischio.

Per determinare come il fumo influisce sul rischio di AMD, i ricercatori della University of California hanno analizzato i dati di un gruppo di 1.958 donne. Le donne fumatrici hanno avuto un tasso dell’11 per cento più elevato di AMD rispetto a donne non fumatrici della stessa età. I ricercatori teorizzano che il fumo può ridurre i livelli di antiossidanti nel sangue, cambiando il flusso di sangue agli occhi, riducendo così la quantità di pigmentazione della retina. Il Dr. Paul Setacciando, direttore del National Eye Institute, che, insieme con il National Institute on Aging ha finanziato la ricerca, ha accolto con favore i risultati.

Questo studio fornisce ancora un altro valido motivo per smettere di fumare, e suggerisce che non è mai troppo tardi per smettere.

[Fonte: Health News]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>