Aspetto androgino e disturbi ormonali: ermafroditismo?

di Cinzia Iannaccio 0

Nei nostri consulti online quotidiani si parla oggi si androgenismo e sospetto ermafroditismo.

Richiesta di Consulto Medico
Buon pomeriggio cari dottori, non so chi mi risponderà ma spero certamente quanto prima perché questo problema mi sta tormentando e distruggendo psicologicamente e fisicamente. Innanzitutto, vorrei specificare che sto eseguendo una psicoterapia dovuta al mio stato di salute psichico. Mi presento: mi chiamo Sabrina, sono napoletana, gay dichiarata, lavoro e studio, ho 24 anni, non fumo e sono astemia. Le mie analisi del sangue sono perfette ed anche il cariotipo eseguito, lo scorso anno, risulta nella norma. Però vi è un problema e mi è stato consigliato un ulteriore consulto …………

……..medico in Endocrinologia ma non so a chi poter rivolgermi in quanto non ho molta disponibilità economica e la dott.ssa ove mi sono recata lo scorso anno non era di prezzi modici. Credo di aver qualcosa che non va… E’ chiaro, altrimenti non avrei alcuni problemi e/o disagi psicofisici… Il mio ciclo mestruale è piuttosto regolare, ma ho un ovaio policistico… Ho alcune caratteristiche fisiche piuttosto maschili ( a parte il seno prosperoso) ed il mio livello di testosterone nelle analisi era a 18. Nella norma, lo so perfettamente, ma allora perché emano un odore intimo piuttosto anomalo (sia durante i rapporti con la mia compagna che non) ed avverto pulsioni un po’ strane che non mi accomunano alle donne… Ho un clitoride non sviluppato assolutamente e non provo piacere intimo al tatto, ma leggermente più in basso… 🙁 chiedo scusa, tale argomento è piuttosto imbarazzante per me e non so cos’altro aggiungere a parte la peluria eccessiva sul volto, gambe, mani, collo… So soltanto che l’endocrinologa, lo scorso anno, m’ha visitata ed ha detto che, a occhio nudo, non v’è traccia di altro organo genitale ma che poteva in qualche modo essere interno e che i sintomi quali reflusso gastroesofageo, gastrite, dolori addominali anomali potevano dipendere da ciò… Cosa vuol dire? Ho il terrore… Spero che qualcuno mi risponda… Inoltre, mi disse che avevo urgenza di eseguire un dosaggio insulinico ma non soffro di diabete… Aiutatemi, per favore!!! Grazie. “

 

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema Androgenismo ermafroditismo disturbi ormonali

 

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per contatti diretti Email: [email protected] cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81.

 

“Salve, è difficile darti una risposta certa senza visitarti; ti rispondo dicendo che l’odore acre è dato spesso da una disbiosi intestinale che causa un’alterazione della flora vaginale che diventa ancora più acida e dall’odore pungente; inoltre è influenzata anche dai saponi a volte aggressivi e da ciò che mangiamo.

La sensazione di piacere clitorideo non lo provano tutte le donne, ma a volte capita di raggiungere solo l’orgasmo vaginale; è una cosa frequente non legato a nessuna condizione patologica o alterazioni morfologiche. Per il resto l’ovaio policistico può determinare un aspetto androide del corpo senza che gli androgeni devono essere per forza elevati. Importante fare una curva insulinemica ed un peptide c per valutare se hai un insulinemia alta che causa aumento delle masse muscolari, accumuli adiposi su addome e spalle e quindi può condizionare il tuo aspetto.
Per il resto non ho capito bene cosa dici poichè basta fare un eco transvaginale per vedere se ci sono alterazioni morfologiche, mentre gli altri sintomi che accusi possono essere legati semplicemente a stress o scorretta alimentazione. Io lavoro a Napoli se posso aiutarti c’è il mio numero sul sito, contattami quando vuoi. A presto”.
Leggi anche:

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>