Farmaci: come conservarli d’estate

di Valentina Cervelli 0

Anche i farmaci, come molti altri prodotti, risentono delle temperature. In particolare del loro innalzamento, con lo sviluppo possibile di alcune alterazioni che per la nostra salute è meglio evitare: scopriamo come comportarci e conservarli efficientemente d’estate.

L’allarme in tal senso è stato lanciato dalla DMA, la Delhi Medical Association, che per sua collocazione geografica è chiamata a combattere con le alte temperature per un periodo maggiore rispetto al nostro. I loro consigli sono però validi anche per le zone temperate come la nostra, che d’estate raggiungono ragguardevoli traguardi di calura ed umidità. Essenzialmente secondo gli esperti nessun farmaco dovrebbe essere conservato a temperature superiori ai 30 gradi al fine di evitare possibili modificazioni in grado di rivelarsi potenzialmente pericolose o mortali.

La giusta conservazione deve essere attuata fon dal produttore e dal distributore: accertatevi quindi per prima cosa che anche all’interno delle farmacie dove vi recate per l’acquisto dei farmaci venga rispettata una certa temperatura, compresa tra i 14 °C e i 30°C. Fate particolare attenzione alla nitroglicerina utilizzata per i disturbi cardiaci e l’insulina per il controllo della glicemia. Si tratta di due farmaci che se alterati mettono a rischio la sopravvivenza del paziente. Anche gli antibiotici, come l’aspirina, necessitano di particolare attenzione: se non ben conservati possono creare danni ai reni o allo stomaco. Le pomate possono scomporsi e risultare inutili, mentre i farmaci per la tiroide, quelli anticoncezionali e più in generale gli ormoni, se non conservati perfettamente possono addirittura cambiare effetto.

Non assumete mai farmaci che cambiano consistenza o colore e che abbiano sviluppato un odore particolare. Conservate quindi i farmaci in luoghi asciutti e freschi, chiusi in un armadio o armadietto e soprattutto lontani da fonti di calore. Si tratta di precauzioni semplici e basilari per evitare di assumere medicinali pericolosi per la salute e per la sopravvivenza. Basta poco per ripararsi dai problemi.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>