IMODIUM Mc Neil (Loperamide cloridrato)

IMODIUM, Mc Neil

CATEGORIA: Farmaci antidiarroici

FORMA FARMACEUTICA: Compresse effervescenti, compresse orosulubili, capsule rigide.

PRINCIPI ATTIVI: Loperamide cloridrato

INDICAZIONI: Indicato per il trattamento sintomatico delle diarree acute. Imodium è capace di bloccare il disturbo entro 48 ore dall’assunzione. Se dopo tale periodo non si hanno risultati apprezzabili, è consigliato interrompere il trattamento e rivolgersi al medico. Il trattamento va comunque interrotto dopo 24 ore dalla scomparsa dei sintomi gastrointestinali.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI: Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Il trattamento con Imodium è soltanto sintomatico per cui, ove possibile, è opportuno intervenire anche sulle cause del disturbo. il loperanide non deve essere impiegato come terapia d’attacco nella dissenteria acuta caratterizzata da presenza di sangue nelle feci e da febbre alta. L’assunzione è controindicato nei  pazienti con colite ulcerosa acuta o colite pseudomembranosa dovuta all’uso di antibiotici ad ampio spettro e comunque in tutti quei casi in cui deve essere avviata una inibizione della peristalsi. Gli effetti collaterali legati all’utilizzo del farmaco sono lievi e transitori, tuttavia possono verificarsi stipsi e meteorismo e/o distensione addominale, mente nei casi più gravi anche nausea e rash cutanei. L’uso di Imodium è sconsigliato nel primo trimestre di gravidanza, successivamente è necessario consultare il medico per valutare l’effettiva necessità. 

NOTE: La cosidetta “diarrea del viaggiatore” è un disturbo molto comune che colpisce principalmente i visitatori dei Paesi con clima caldo e dove spesso vi sono condizioni igienico-sanitarie carenti, ad esempio in Africa, Asia, Medio Oriente e Paesi dell’America latina. La causa principale di questo disturbo è comunemente il consumo o il contatto con acqua, cibi o altre sostanze contaminate da microrganismi quali batteri, virus e parassiti. Nella maggioranza dei casi la diarrea del viaggiatore si manifesta durante i primi giorni di soggiorno nel Paese e provoca disturbi lievi che si risolvono spontaneamente. In altri casi, invece, questo disturbo provoca scariche di diarrea accompagnate da nausea, vomito e spossatezza. La complicazione più temuta è la disidratazione, in particolare nei bambini, a cui si può ovviare reintegrando la perdita di fluidi e l’equilibrio dei sali minerali bevendo acqua e bibite zuccherate in abbondanza (the, limonate, succhi di frutta). Inoltre può essere utile assumere fermenti lattici qualche giorno prima e dopo il soggiorno all’estero. Per evitare di contrarre l’infezione basta seguire alcuni accorgimenti: evitare il consumo di cibi poco cotti, bere solo acqua imbottigliata ed evitare bibite con ghiaccio, curare la propria igiene personale e disinfettarsi frequentemente le mani.

Altri farmaci della stessa categoia: Dissenten, Normix, Xalazin, Lopemid

[Fonti principali: AAVV, StudioMedicoTorrino.com; AAVV; Automedicazione.it; AAVV; ]

*Per ulteriori informazioni leggere il foglietto illustrativo. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.