Cannabis e testosterone, cosa c’è di vero?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su cannabis e testosterone
Salve volevo sapere se é riscontrato che la cannabis comporti abbassamenti di livello di testosterone e in ogni caso per i fumatori abituali e non cronici i livelli di testosterone tornano normali ? Possono influire su un percorso di palestra?

cannabis e testosterone

 

Specializzazione Andrologia
Tipo di Problema curiosità su cannabis e testosterone: è vero che lo abbassa?

 

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per appuntamenti Email: [email protected] Segreteria cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81. Si prega di utilizzare il numero telefonico ESCLUSIVAMENTE per appuntamenti e non per richieste di ulteriori consulti.

 

SALVE, L’USO CRONICO DI CANNABIS RIDUCE LA PRODUZIONE ENDOGENA DI TESTOSTERONE CHE RITORNANO NORMALI DOPO LA SOSPENSIONE; INOLTRE RIDUCONO CAPACITà VENTILATORIA E QUINDI L’APPORTO DI OSSIGENO AI MUSCOLI RIDUCENDO LA PERFORMANCE SPORTIVA

CORDIALI SALUTI, Dott. Mario Francesco Iasevoli

 

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post su argomenti simili:

 

Testosterone basso ed erezione, cause e cosa fare

Integratore testosterone, funziona? Andrologo risponde

Cannabis terapia, cosa cura e quali effetti

Fertilità, la cannabis causa problemi agli spermatozoi

Ecco perché fumare cannabis fa venire fame

Testosterone basso nell’uomo: 8 cose da sapere (foto)

Un farmaco con gli effetti terapeutici della cannabis

 

 

 

 

Per porre altri quesiti ai nostri specialisti medici potete visitare la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive” ed inviare la domanda attraverso il form specifico.

E’ doveroso da parte nostra ricordare e sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

Photo Credits | Jan Havlicek / Shutterstock.com