Paracetamolo in gravidanza, problemi comportamentali nei bambini?

di Valentina Cervelli Commenta

Paracetamolo in gravidanza causa problemi comportamentali nei bambini? Una ricerca di recente pubblicata sulla rivista di settore Jama punterebbe verso questa ipotesi, portando a ripensare alla sicurezza di tale medicinale in un periodo così particolare come quello della gestazione.

Il paracetamolo (o tachipirina) è generalmente considerato uno dei pochi farmaci sicuri da utilizzare nel corso della gravidanza come antidolorifico o antipiretico. La pensano in modo diverso il dottor Evie Stergiakouli e la sua squadra di scienziati dell’Università di Bristol che studiando i dati di 7.796 madri ed i loro bambini arruolati nell’Avon Longitudinal Study of Parents and Children hanno verificato l’associazione tra l’uso prenatale e post natale di tachipirina delle donne e dei loro partner ed il comportamento della loro progenie.

E’ emerso che il 5% dei bambini dello studio avesse problemi comportamentali. Le percentuali maggiori risiedevano nei figli di coloro che avevano utilizzato il paracetamolo alla 18 esima settimana ed alla 32 esima settimana di gravidanza. In particolare nel primo caso è apparso maggiore rischio di problemi di iperattività, mentre nel secondo il coinvolgimento di una sintomatologia emozionale.

Nessun problema, invece, per quelle madri che hanno utilizzato il paracetamolo dopo la nascita del bambino e quindi nel periodo dell’allattamento al seno. Al momento, a causa dei pochi dati a disposizione non è possibile stabilire un nesso diretto tra il comparire dei problemi comportamentali e l’uso di tachipirina, ma si può indicare come possa esservi un rischio reale di influenza. Spiegano gli autori:

I bambini esposti al paracetamolo nel periodo prenatale si trovano a subire un maggior rischio di sviluppare problemi comportamentali. Ciò che abbiano trovato suggerisce che il collegamento tra i due possa dipendere da un meccanismo intrauterino. Ulteriori studi sono necessari per verificare il meccanismo alla base di questa associazione tanto quanto per capire se vi sia una causalità o meno alla base.

E dato l’ampio uso che si fa di paracetamolo in gravidanza, sarebbe meglio avere in fretta tali risposte.

Photo Credit | Thinkstock

Fonte | Jama

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>