Trauma scrotale

di Marco Mancini 1

Trauma scrotale

Il trauma scrotale, o lesione genitale, è una ferita ai genitali o perineo, la zona tra le gambe. Le lesioni genitali possono essere molto dolorose e possono sanguinare pesantemente. Possono interessare gli organi riproduttivi, ma anche vescica e uretra. L’ammontare del danno può variare da minimo a severo, e può essere temporaneo o permanente.

CAUSE: Le bambine (di solito meno di 4 anni di età), possono inserire corpi estranei (come carta igienica, matite, ecc.) nella vagina durante la normale esplorazione del proprio corpo. Per escludere abusi sessuali, alla bambina il medico dovrebbe chiedere cosa ha inserito nella vagina. Nei casi di stupro o abuso sessuale, una visita medica è necessaria. E’ essenziale per la salute della vittima, nonché per prevenire la diffusione di malattie infettive.

Nei ragazzi giovani, una delle cause più comuni di lesioni genitali sono colpi e traumi, scivolare mentre si sta giocando su sbarre o ostacoli duri, o cadute dalla bicicletta. Un’altra causa nei maschi è l’intrappolamento dello scroto, pene, o prepuzio in una cerniera lampo. Qui il danno può essere minimo o abbastanza significativo da richiedere cure mediche.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Dolore addominale;
  • Emorragia;
  • Lividi;
  • Zona interessata che cambia forma;
  • Debolezza;
  • Oggetto incorporato in un’apertura del corpo;
  • Dolore all’inguine o genitale (può essere estremo);
  • Gonfiore;
  • Drenaggio delle urine;
  • Vomito;
  • Ferita aperta;
  • Minzione dolorosa o incapacità di urinare;
  • Perdite vaginali dall’odore cattivo.

TERAPIA: Le prime misure da intraprendere sono:

  • Rassicurare la vittima e cercare di tenerla calma. Coprire la zona danneggiata.
  • Per controllare l’emorragia, utilizzare una pressione diretta. Collocare un panno pulito o garza sterile su qualsiasi ferita aperta. Se il sanguinamento è grave, tutta l’area dev’essere coperta con la garza o panno, a meno che non si sospetti la presenza di un corpo estraneo.
  • Applicare impacchi freddi per contribuire a ridurre il gonfiore.
  • Se i testicoli sono stati feriti, sostenerli con degli asciugamani applicati come un pannolino.
  • Se un oggetto è all’interno di una ferita, lasciarlo lì perché toglierlo potrebbe causare ulteriori danni.
  • Portare il paziente da un medico.

Cose da NON fare:

  • Non trascurare la possibilità di emorragie interne.
  • Non inventatevi possibili diagnosi.
  • Non accusare o confrontarsi con la vittima.
  • Non inquinare eventuali prove di aggressione o di abuso, a meno che non esista un’emergenza medica. Se si sospettano violenze o abusi, non consentire alla vittima di cambiare i vestiti, fare il bagno o doccia.
  • Non permettere alla vittima di camminare, se non assolutamente necessario.
  • Non tentare di rimuovere un corpo estraneo da soli.

Contattare un medico se:

  • C’è qualche tipo di dolore o gonfiore nella zona genitale;
  • C’è un corpo estraneo nella zona genitale;
  • Si sta sanguinando;
  • C’è preoccupazione per abusi sessuali;
  • Il paziente non è in grado di urinare;
  • L’urina contiene sangue.

PREVENZIONE: Insegnare ai bambini le norme di sicurezza e creare un ambiente sicuro. Inoltre, tenere piccoli oggetti fuori dalla portata dei bambini.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.