Ricetta sanitaria elettronica, decreto entrato in vigore

di Ma.Ma. Commenta

Con il 31 dicembre 2015 è entrato ufficialmente in vigore il decreto che va a regolamentare in tutta Italia l’introduzione della ricetta sanitaria elettronica con validità in tutte le regioni. Un provvedimento che era stato varato alla metà di novembre ma che è diventato ufficiale solo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, come da prassi.

E così saranno tanti i vantaggi della ricetta sanitaria elettronica che sostituirà a tutti gli effetti quella cartacea che fino ad oggi eravamo abituati a ricevere dal medico della mutua. Con la ricetta elettronica sarà decisamente più facile verificare l’appropriatezza dei farmaci tra quando prescritto dal medico e quelli che vengono venduti con maggiore sicurezza dunque da parte del paziente (perché si ridurranno di gran lunga anche i casi di falsificazione o di vendita di prodotti non corrispondenti a quanto scritto sulla ricetta medica).

Ma anche se la ricetta sanitaria elettronica è diventata ufficiale occorrerà ancora qualche mese prima di poter riuscire a sfruttarla, così come ha affermato il direttore generale di Promofarma, Daniele d’Angelo, che ha parlato di tempi tecnici necessari per mettere a punto il software che consentirà di calcolare i ticket da regione a regione, per esempio. Insomma occorrerà attendere ancora qualche mese almeno secondo le previsioni. Tra i vantaggi della ricetta sanitaria elettronica anche il risparmio da parte del sistema sanitario regionale dovuto all’abbandono della ricetta cartacea che rappresentava comunque una spesa e che invece adesso sarà sostituita a tutti gli effetti da una ricetta virtuale contenuta in un computer.

SALUTE, AUMENTARE LA TECNOLOGIA PER ABBASSARE LA SPESA SANITARIA

Come tutte le novità, anche la ricetta sanitaria elettronica sarà accolta dai cittadini con una certa diffidenza, perché molti saranno coloro che avranno difficoltà a cimentarsi con una ricetta non cartacea. Ma come sempre in questi casi, occorrerà solo tempo per abituarsi alle nuove disposizioni…

Photo Credits | Leonardo da / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>