L’Hiv invecchia il cervello di 15-20 anni

di Paola Commenta

L’infezione da HIV può portare prematuramente all’invecchiamento del cervello, spiegano i ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis e della University of California di San Diego. Il flusso sanguigno nel cervello dei pazienti affetti da HIV è ridotto a livelli normalmente osservati nei pazienti non infetti di 15-20 anni più vecchi, spiegano gli scienziati sul The Journal of Infectious Diseases.

L’ingrigimento del malato di Aids produce effetti sul cervello che sono una notevole fonte di preoccupazione. Tra i pazienti che sono sopravvissuti fino all’anzianità, un certo numero di loro mostra la preoccupazione per problemi con la memoria e altre funzioni cognitive

spiega il primo autore Beau Ances, professore assistente di neurologia all’Università di Washington. Gli epidemiologi stimano che il 14-18% di tutti i pazienti affetti da AIDS negli Stati Uniti ha più di 50 anni. Questa fascia d’età è anche uno dei più alti tassi di nuove infezioni. Con le tendenze attuali, entro il 2015, il loro numero crescerà di oltre il 50% della popolazione complessiva dei pazienti.

I primi studi sull’infezione da HIV sugli effetti a lungo termine sulla salute hanno rilevato che il virus può influire negativamente sul cuore, fegato, sistema endocrino, scheletro e reni. Un recente studio ha rilevato che anticipa le infezioni nel corpo di circa 10 anni. L’HIV può portare a demenza in alcuni pazienti, ma quantificare scientificamente gli effetti del virus HIV e l’invecchiamento del cervello è stato impegnativo.

Crediamo che il virus attraversa il cervello utilizzando cellule immunitarie infette. Una volta nel cervello, l’HIV non infetta direttamente i neuroni, ma interessa invece le cellule di sostegno che possono rilasciare fattori immunitari che danneggiano i neuroni.

I ricercatori hanno rilevato le somiglianze tra la demenza associata all’HIV ed il morbo di Alzheimer. Tuttavia, adattare i test cognitivi utilizzati nella diagnosi del morbo di Alzheimer nella ricerca contro l’HIV è stato difficile. Utilizzando uno scanner per la risonanza magnetica e una nuova tecnica nota come etichettatura spinale arteriosa che consente una misurazione precisa e non-invasiva del flusso del sangue, è stato valutato il flusso di sangue al cervello in 26 soggetti con HIV e 25 pazienti non infetti. Entrambi i gruppi erano comparabili in fascia di età media e di istruzione.

Dallo scanner si è compreso come il flusso cerebrale di sangue sia stato significativamente ridotto nei soggetti con HIV rispetto alle persone non infette. Queste riduzioni del flusso sono più o meno equivalenti alle letture viste negli individui non infetti di 15 o 20 anni più vecchi.

I ricercatori hanno anche scoperto che l’HIV ha ridotto il flusso di sangue al cervello anche tra i più giovani, i pazienti infettati di recente, rafforzando i risultati che hanno precedentemente pubblicato.

I livelli di sangue nel cervello declinano naturalmente con l’età, ma l’HIV, i farmaci che usiamo per il suo controllo o una combinazione dei due sembrano indipendentemente accelerare questo processo di invecchiamento. Potremmo ridurre gli effetti nocivi del virus, se iniziamo il trattamento prima, o se un trattamento significativamente contribuisce a ridurre il danno

hanno concluso i ricercatori.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>