I sintomi insospettabili delle malattie cardiovascolari

di Cinzia Iannaccio 4

 Il cuore, quando comincia ad ammalarsi difficilmente avvisa in modo chiaro e deciso. Ma esistono una serie di sintomi insospettabili che vanno comunicati al proprio medico curante, benché sembrino dipendere da tutt’altre patologie. Scoprire una malattia cardiovascolare per tempo, può significare salvarsi la vita: basta pensare all’infarto. Nel nostro pensare quotidiano, l’attacco acuto arriva con un dolore al petto che si irradia alla spalla e al braccio sinistro.

Ed è così, ma questo è solo uno dei sintomi che l’organismo invia, ne esistono infatti altri che compaiono anche in periodi molto precedenti all’infarto stesso ed è proprio su questi che bisogna riflettere. Quali sono? Prima di tutto il mal di stomaco correlato ad un costante senso di nausea. Spesso lo stress quotidiano e la cattiva alimentazione inducono a pensare che si tratti di gastrite (anche questa non andrebbe sottovalutata). Ma se questi estremi non ci sono e non esistono malattie gastro-intestinali diagnosticate, potrebbe trattarsi di un  segnale che viene dal cuore malandato: i grassi che ostruiscono le arterie potrebbero infatti bloccare il normale flusso sanguigno anche a livello addominale; se col riposo e la distensione il mal di stomaco e la nausea diminuiscono, è il caso di fare qualche approfondimento cardiologico.

Per gli uomini invece anche la defiance sessuale potrebbe rappresentare un’importante avvisaglia, uno dei primissimi sintomi: i problemi al cuore non permettono il corretto afflusso di sangue al pene il che comporta deficit di erezione.  Anche la mancanza di fiato, l’affanno ed i giramenti di testa possono essere un sintomo di disturbi cardiaci: più del 40% delle donne che ha avuto un infarto ne soffriva, pur non essendo affette da asma o altre malattie respiratorie. Anche in caso di angina pectoris si hanno questi sintomi. Ancora più insospettabili invece il dolore al collo, il mal d’orecchie e alla mascella: se non esistono cause evidenti a questi disturbi, potrebbe dipendere dal cuore, il segnale di allarme è un dolore diffuso in queste zone. Non occorre ovviamente allarmarsi alla prima vertigine, ma è certo che una visita cardiologica non ci farà male!

Articoli correlati:

Commenti (4)

  1. cardiopatico curioso di notizie per vivere più e meglio

    1. @carlo: ;=) Di sicuro saprai che l’alimentazione e l’attività motoria, ovvero il giusto stile di vita (senza fumo, ecc) sono fondamentali.

      Per il resto se continui a seguirci o se spulci le nostre pagine, di notizie per vivere meglio e a lungo siamo certi che ne troverai molte.;=)

  2. ho sempre mal di testa,offuscamento e già 4 collassi in 2 anni.può dipendere dal cuore?

    1. @luigi:
      Non saprei non siamo medici, ma di certo, per esperienza diretta circa il mal di testa le posso dire che sarebbe buona cosa rivolgersi ad un centro per le cefalee, in modo da comprendere ed eventualmente curare le cause e prevenire altri attacchi. Di sicuro con 4 collassi in due anni suppongo che sia stato già visitato da un cardiologo. Diciamo che è sempre buona norma controllare alcuni fattori almeno una volta l’anno, anche in stato di benessere, come la pressione del sangue, i trigliceridi, il colesterolo,la glicemia, eccetera. Un elettro cardiogramma non credo che il suo medico curante, insieme ad una visita cardiologica li riterrà inopportuni, ne parli con lui. ;=))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>