Il pancreas artificiale sbarca in Italia

di Paola 10

Buone speranze per i malati di diabete. La nuova invenzione denominata “angelo custode”, che simula un pancreas artificiale è finalmente sbarcata in Italia. Questo nuovo dispositivo, ideato dai ricercatori dell’Università di Cambridge, seppur non risolverà del tutto i problemi di chi soffre di diabete, almeno ne allevierà le pene. Ed anche di molto.

Uno dei numerosi problemi che affliggono un diabetico è senza dubbio quello di dover ricorrere all’insulina anche di notte. Questo dispositivo invece si indossa come un marsupio (ha la grandezza di un cellulare) e ne regola la quantità, senza che il malato debba far nulla. Ma l’eccezionalità di tale macchinario non finisce qui.

Infatti esso è in grado di controllare la glicemia per 288 volte al giorno, in modo da controllare le crisi ipoglicemiche e dosare o anche sospendere l’erogazione dell’insulina, a seconda della necessità. Inoltre esso emette un segnale acutistico quando il livello degli zuccheri sta calando a livelli pericolosi, una condizione che spesso si verifica proprio di notte.

Il dispositivo funziona proprio come il pancreas, anche se non può essere perfetto come l’organo umano, tanto da essere capace di sospendere l’erogazione dell’insulina soltanto per due ore, dando il tempo al paziente di prendere provvedimenti. Dopo una prima sperimentazione avvenuta in Gran Bretagna, il mese scorso l’angelo custode è sbarcato in Italia, dove è stato assegnato, sempre a livello sperimentale, a circa un centinaio di pazienti. In questi giorni viene distribuito in 200 centri di rilievo per la diabetologia, con l’obiettivo di testarlo su un più ampio numero di persone. Si conta di raggiungere già le mille persone (in Italia si stima che i pazienti con questa patologia siano circa 200 mila), sperando che un giorno possa diventare comune per tutti i malati di diabete di tipo 1, sollevandoli, almeno parzialmente, da quella che diventa una vera e propria schiavitù dall’insulina.

[Fonte: Ansa]

Commenti (10)

  1. Salve, sono Marrali Matteo, lavoro da otto anni al mio progetto pancreas artificiale e posso dire, con certezza matematica, che funziona!
    è un dispositivo elettro-meccanico, di dimensione come l’avambraccio, in grado di: non solo iniettare insulina ma anche glucosio!
    Ho provato a contattare tramite due lettere presentate di persona in villa Berlusconi ad Arcore ma purtroppo non ho ancora ricevuto alcura risposta.
    Non mi sono perso d’animo e ho provato a mandare una email al presidente della camera ma anche li ancora niente. Ho bisogno dell’imprgno morale di chiunque voglia affrontare questa avventura assieme a me!
    P.S.: Non lo faccio per scopo di lucro! anche perchè, il collaudo lo faccio sulla mia stessa persona, visto che anche io sono diabetico di tipo 1 “insulinodipendente! —————Non sno un fanatico e nemmeno pazzo——– So solo cosa significa farsi 4 punture al giorno, spesso senza rggiungere gli obbiettivi richiesti dal nostro organismo!

  2. Matteo dice:

    Salve, sono Marrali Matteo, lavoro da otto anni al mio progetto pancreas artificiale e posso dire, con certezza matematica, che funziona!
    è un dispositivo elettro-meccanico, di dimensione come l’avambraccio, in grado di: non solo iniettare insulina ma anche glucosio!
    Ho provato a contattare tramite due lettere presentate di persona in villa Berlusconi ad Arcore ma purtroppo non ho ancora ricevuto alcura risposta.
    Non mi sono perso d’animo e ho provato a mandare una email al presidente della camera ma anche li ancora niente. Ho bisogno dell’imprgno morale di chiunque voglia affrontare questa avventura assieme a me!
    P.S.: Non lo faccio per scopo di lucro! anche perchè, il collaudo lo faccio sulla mia stessa persona, visto che anche io sono diabetico di tipo 1 “insulinodipendente! —————Non sno un fanatico e nemmeno pazzo——– So solo cosa significa farsi 4 punture al giorno, spesso senza rggiungere gli obbiettivi richiesti dal nostro organismo! Il mio numero è 392/1161134 no truffatori no perditempo! solo dalle 17:30 alle 19:30

  3. @ Matteo:
    Ciao Matteo. Sono un diabetico come te.
    Tienimi al corrente delle tue iniziative. Hai brevettato l’apparecchio?
    Se non l’avessi ancora fatto fallo e presto.
    Ti abbraccio
    angelo

  4. @ Angelo:
    Ciao Matteo,
    ho letto per caso il tuo resoconto e ti chiedo,se puoi,maggiori chiarimenti per un mio amico da tempo sofferente.Grazie

  5. Ciao Angelo,
    Ancora nessuna risposta iprogetto non è brevettato ho bisogno che le persone che soffrono come noi divulgano questo mio progetto.
    il brevetto costa circa 80.000 euro, ma io non cerco soldi ma solo la possibilita di far stare meglio tutti i diabetici in italia, europa ed oltre.
    tra un mese o due andro in piazza Duomo a Milano a distribuire volantini del mio progetto! se vuoi venire mandami una e-mail o chiama al n° 3393002114 Ciao ciao a presto!

  6. se siete davvero interessati a conoscere in cosa consiste e a che punto è la vera e unica sperimentazione sul pancreas artificiale a livello mondiale, finanziata dall ?unione Europea, e dalla JDFR. Sperimentazione che coinvolge il mondo intero, compresa l’Italia attraverso l’Università di Padova creatrice dell’algoritmo che ha entusiasmato la ricerca americana, visitate http://www.diabetando.net
    ciao

  7. @ Matteo:
    Ciao Matteo mi chiamo Marco e in questi giorni sto valutando con il mio medico di mettermi il microinfusore? Ti chiedo quale apparecchio mi consigli?

  8. @Matteo dipende da te la scelta. sono tutti ottimi,ma in ragione delle tue specifiche esigenze ognuno offre caratteristiche diverse ,)

  9. Ciao Marco,
    Grazie per la tua richiesta di consiglio.
    Non ti posso suggerire un particolare strumento, perche tutti compiono piu’ o meno la stessa funzione.
    – La cosa buona è il non dover fare, 4 punture al giorno.
    – vantaggi: i vantaggi sono come su descritto, non dover fare continue punture e se sei una persona rigida con la dieta, riesci a portare la glicata a 6.
    – svantaggi: Non risolve a tutti i pazienti, il problema degli alti e bassi della glicemia, perchè ognuno, ha un tenore di vita diverso.
    devi iniettare tu la dose che hai bisogno ai pasti. Si può anche impostare, con le dosi prestabilite di partenza con il tuo medico, ma è pressochè impossibile mangiare le stesse quantità di cibo con le stesse calorie, zuccheri ed eseguire attività fisiche costanti.: ogni giorno della nostra vita.

    Io continuo a contattare persone, interessate a divulgare il mio progetto.
    Purtroppo sono passati gia nove anni e come ho scritto l’anno scorso, il progetto è terminato.

    Mettono troppi paletti burocratici ed economici, la quale io non riesco ad affrontare.

    A quanto pare, alle istituzioni non interessa risolvere il problema, ma tutt’altro.
    Grazie per la tua fiducia Marco.

    Non ho mai mollato e non mollerò mai, anche per te!

    Distinti saluti Marrali Matteo.

  10. Ciao Marco,
    Grazie per la tua richiesta di consiglio.
    Non ti posso suggerire un particolare strumento, perche tutti compiono piu’ o meno la stessa funzione.
    – La cosa buona è il non dover fare, 4 punture al giorno.
    – vantaggi: i vantaggi sono come su descritto, non dover fare continue punture e se sei una persona rigida con la dieta, riesci a portare la glicata a 6.
    – svantaggi: Non risolve a tutti i pazienti, il problema degli alti e bassi della glicemia, perchè ognuno, ha un tenore di vita diverso.
    devi iniettare tu la dose che hai bisogno ai pasti. Si può anche impostare, con le dosi prestabilite di partenza con il tuo medico, ma è pressochè impossibile mangiare le stesse quantità di cibo con le stesse calorie, zuccheri ed eseguire attività fisiche costanti.: ogni giorno della nostra vita.

    Io continuo a contattare persone, interessate a divulgare il mio progetto.
    Purtroppo sono passati gia nove anni e come ho scritto l’anno scorso, il progetto è terminato.

    Mettono troppi paletti burocratici ed economici, la quale io non riesco ad affrontare.

    A quanto pare, alle istituzioni non interessa risolvere il problema, ma tutt’altro.
    Grazie per la tua fiducia Marco.

    Non ho mai mollato e non mollerò mai, anche per te!

    Distinti saluti Marrali Matteo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>