Glioblastoma, dopo chirurgia, chemio e radioterapia, cosa fare?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico

GBM (glioblastoma) all’emisfero destro; exeresi sub totale a metà aprile 2014; Seguito con radioterapia e concomitante chemio (temozolomide), secondo linee guida; Alla RMN di controllo del 28/08 u.s., nel cratere dell’exeresi si evidenziano ancora alcune lesioni che dimostrano attività metabolica elevata (Cho/NAA = 2,5). Cos’altro si può fare? Grazie”

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema: GBM (glioblastoma)

Risponde il dott. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

“Gentile Utente, in primis occorre una rivalutazione chirurgica e del Collega radioterapista per verificare se è possibile procedere con ulteriore resezione e/o nuova terapia radiante del glioblastoma. Qualora si escludesse la chirurgia ma si potesse intervenire in radioterapia, al medesimo trattamento radiante si potrebbe abbinare ipertermia capacitiva profonda a radiofrequenza (per maggiori informazioni vedi sito www.ipertermiaitalia.it) ed a seguire un nuovo trattamento chemioterapico con farmaci differenti da quello impiegato in precedenza. Tra i farmaci potenzialmente utili giova ricordare il bevacizumab, l’irinotecan, la fotemustina. Anche il trattamento chemioterapico potrebbe essere coniugato ad un trattamento in ipertermia quale coadiuvante sinergico. Cari saluti, Dr. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it”

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>