Linfonodo ingrossato dopo mastectomia, oncologo risponde

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
Buona sera Vorrei che qualcuno mi aiutasse, mia sorella 53 anni , un anno fa ha subito mastectomia per carcinoma lobulare g 13 linfonodi su 18 erano metastasi sono stati tolti ha fatto 8cicli di chemioterapia e sedute di radiazioni terminate lo scorso dicembre 2014 .sembrava che tutto andava bene ma oggi a febbraio 2015 dopo la tc che andava fatta per controllo normale, gli è stata trovata una adenopatia in sede periceliaca mesenterica massima 2cm …….io non capisco più niente……cosi poco tempo è possibile che sia così grave?….

 

………..Gli oncologi che la tengo in cura sono all’istituto dei tumori di Milano, noi invece viviamo a Salerno. Hanno detto che vogliono fare un confronto con la tac fatta un anno fa intanto non si sono pronunciati ma si sono presi 15 giorni di tempo per pensarci, infatti il 16marzo sarà un giorno ancora più disperato! Ditemi qualcosa di non brutto. Grazie e scusatemi ma non viviamo più, abbiamo perso nostra madre che aveva 4G anni per carcinoma allo stomaco e sappiamo tutto sul calvario che si fa.non sarà così anche per mia sorella vero? Ha due ragazzini da crescere. Grazie e scusatemi ancora.

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema linfonodi ingrossati dopo mastectomia

Risponde il dott. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

 

Gentile Sig.ra, per quanto leggo l’unica anomalia che è stata rilevata dall’esame TC è un linfonodo di 2 cm in sede addominale. Non è detto che sia una localizzazione di malattia; 2 cm non è una dimensione assai elevata ed anche un linfonodo infiammatorio potrebbe raggiungere quella dimensione. Concordo con i Colleghi curanti circa la necessità di confrontare l’odierno con un esame TC precedente al fine di rilevare se non fosse già presente. Se non si dovesse dirimere il dubbio con il confronto lo step successivo può essere un esame funzionale PET.

Cari saluti

Dott. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Carlo Pastore

 

Per altri quesiti potete visitare la nostra pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive”.

 

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>