Frattura tibia e perone e gonfiore dopo gesso, è normale?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su frattura tibia e perone
3 mesi fa ho avuto frattura di tibia e perone composta cadendo dalla carrozzina (sono disabile), ho tenuto una valva gassata x 40 giorni e poi x altri 35 giorni una doccia in resina, ho fatto la magnetoterapia x un mese e il 25 agosto ho tolto la doccia. Il ginocchio all’altezza della rotula è caldo e anche la caviglia è calda e gonfia soprattutto quando sto con la gamba giù, mi hanno detto che ci vuole tempo ma sono preoccupata x questo gonfiore e questo calore mi sapete dire se è una cosa normale o c’è un’infiammazione? Si precisa che dal ginocchio in giù non ho la sensibilità. Grazie

Specializzazione Ortopedia e Medicina dello Sport
Tipo di Problema Frattura tibia e perone

Risponde il professor Francesco Bizzarri specialista in ortopedia e traumatologia, medico dello sport, dipendente dell’Università di L’Aquila e presidente nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica. Per contatti diretti: [email protected] o al cellulare 338/5665050

 

 

Egr. Sig.ra Desiree, ritengo da quello che Lei mi ha scritto, che ci sia una complicanza osteoporotica che si è accentuata ancor di più con la frattura ed il gesso visto la sua disabilità. Deve fare una cura ricalcificante: calcio e Vit.d e faccia una FKT passiva per mobilizzare l’arto. Saluti F.Bizzarri

 

 

 

 

 

>> Leggi tutte le risposte del professor Francesco Bizzarri

Leggi anche:

Frattura scomposta tibia e perone: operazione e recupero

Fratture multiple scomposte, quali conseguenze ?

 

 

 

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>