Ictus: una nuova tecnica riabilitativa

di Cinzia Iannaccio 3

Essere colpiti da un ictus è un evento improvviso, quanto mai drammatico, che spesso se permette la sopravvivenza lascia una disabilità più o meno rilevante, che se non trattata subito ed adeguatamente porta a cronicizzazione certa. Una nuova ricerca scientifica ha però individuato una tecnica capace di migliorare i sintomi anche dopo un anno dall’evento: attraverso la vibrazione.

Il lavoro è stato svolto presso il Laboratorio di Neurologia Clinica e Comportamentale della Fondazione Santa Lucia con la collaborazione dell’Università Cattolica di Roma. Ma vediamo nel dettaglio.

E’ noto che nel cervello degli esseri umani esistono una sorta di “mappe” neuronali, che grazie ad una particolare loro plasticità, dopo un evento ictale possono essere riattivate, corrette, con un’adeguata ed immediata terapia. Dopo più di un anno non si riteneva fosse possibile aggiustare queste mappe, ma il nuovo studio sembra dare nuove speranze.

Sono stati individuati 30 pazienti volontari (età media 65 anni, cioè quella in cui si manifesta con più frequenza l’ictus), stabilizzati con emiparesi da almeno un anno e senza deficit cognitivi e/o di linguaggio severi.

Il deficit motorio e la spasticità conseguente riguardava l’arto superiore. Sono stati trattati attraverso uno strumento capace di erogare una vibrazione a frequenza costante di 100 hz, per 3 applicazioni al giorno di 10 minuti con una pausa di 60 secondi tra l’una e l’altra.

Il tutto proseguendo la normale ed individuale terapia riabilitativa, ma senza farmaci o effetti collaterali. Per soli tre giorni di seguito.

Per documentare i risultati, i volontari sono stati valutati, prima dell’applicazione della vibrazione e dopo circa due settimane, attraverso la TMS ovvero la Stimolazione Magnetica Transcranica.

Si tratta di una metodica non invasiva che serve a studiare la funzionalità del sistema motorio sia in persone sane che in pazienti neurologici. Ebbene i risultati sono stati fortemente incoraggianti: è stato infatti possibile riscontrare in abbinamento alle modificazioni neurofisiologiche, anche una riduzione della rigidità muscolare e un recupero motorio del 30%.

Questi risultati a breve saranno pubblicati sulla rivista scientifica Neurorehabilitation and Neural Repair.

Notevole direi, per la qualità della vita delle persone in questione!

[Fonte: Fondazione Santa Lucia]

Commenti (3)

  1. Ho 43 anni e all’età di 22 anni sono stato colpito da diversi attacchi ischemici molto ravvicinati e di causa sconosciuta che mi hanno causato una emiparesi sinistra.
    Qualche anno fa ho avuto la fortuna di partecipare, come paziente, alla sperimentazione delle metodiche cro system presso l’ospedale Umberto i di Roma trovando tale tecnica a dir poco miracolosa per quanto riguarda l’aumento della funzionalità dell’arto superiore molto deficitaria dopo gli episodi occorsi; il tutto è stato documentato da chi ha praticato la sperimentazione con video che danno un’idea ben precisa di ciò che questa tecnica può voler dire.
    Qualcuno sa spiegarmi perché uno strumento che costa relativamente molto poco non è presente in tutti gli ospedali? Posso immaginare, avendo provato anni di riabilitazione “classica”(da Perfetti a Kabat, passando per Basaglia), che l’utilizzo delle “vibrazioni” possa dare fastidio ai signori che si sono arricchiti alle spalle di noi pazienti ma è veramente scandaloso che tecniche efficaci come Cro System debbano arricchire altri signori invece di essere erogate a persone che non hanno scelto l’emiplegia o altre patologie simili come stle di vita.

  2. @ Danilo:
    Non conosco specificatamente e non entro nel merito. Tu però parli di sperimentazione e quindi una fase particolare, un test che viene fatto, magari proprio per provare l’efficacia di una tecnica..la prassi autorizzativa alla commercializzazione è lunga e complessa. Ed inoltre la riabilitazione che tu descrivi credo che vada fatta solo in strutture specializzate e sempre con personale qualificato. Non può essere messo un macchinario se non c’è personale che sappia usarlo e quindi è complesso. Il tuo quesito è però importante e generale: perché tante terapie utili x molti rimangono appannaggio dei privati e accessibili solo ai pazienti ricchi? Una risposta da un milione di euro. Basta che pensi che il Santa Lucia di cui sopra sono due anni che rischia di chiudere! Sai, poi c’è anche di peggio secondo me…quando il macchinario viene comprato e parcheggiato ad esempio….. . Grazie x la testimonianza ed il suggerimento terapeutico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>