Parkinson, un guanto per diagnosi anticipata?

di Ma.Ma. 0

Uno speciale guanto sarebbe in grado di diagnosticare il Morbo di Parkinson con almeno cinque anni di anticipo rispetto alla comparsa dei primi sintomi motori. A mettere a punto la speciale creazione è stato un team di ricerca italiano coordinato da studiosi del The BioRobotics Institute della prestigiosa Scuola Superiore Sant’Anna (Pisa). I primi test effettuati hanno regalato risultati positivi e il guanto potrebbe, in futuro, essere di aiuto per individuare tempestivamente la malattia.

I sintomi del morbo di Parkinson si manifestano molti anni dopo l’avvio del processo di neurodegenerazione, ecco perché prima la malattia viene scoperta e meglio è per intervenire accuratamente rallentandone il decorso. La ricerca si è svolta su un campione di 90 persone: 30 sane, 30 con diagnosi di Parkinson e 30 con una riduzione dell’olfatto chiamata “iposmia idiopatica”, considerato uno dei principali fattori di rischio della malattia neurodegenerativa.

Combinando i dati raccolti dallo speciale guanto creato con quelli di un test per diagnosticare l’iposmia idiopatica, gli scienziati sono arrivati ad affermare che il dispositivo aveva un’accuratezza del 79 percento nell’identificare a quale dei tre gruppi appartenessero i partecipanti. Un passo avanti importante, dunque, nel trattamento del Morbo di Parkinson.

Ti potrebbe interessare anche:

Morbo di Parkinson, nuova cura dagli squali?

Morbo di Parkinson, a 33 anni Emma torna a scrivere | VIDEO

Morbo di Parkinson, diagnosi con nuovi criteri

Parkinson, dai farmaci all’assistenza

Parkinson, safinamide disponibile anche in Italia

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>