Parkinson, dai farmaci all’assistenza

di Valentina Cervelli Commenta

Parkinson: sintomi ed assistenza. Ecco cosa dobbiamo sottolineare in occasione della Giornata Mondiale dedicata alla malattia: fare il punto della situazione è quasi d’obbligo, al fine di affrontare correttamente questa patologia.

Il Parkinson è una malattia neurologica a carattere degenerativo: non vi è possibilità di guarigione. La sua progressione è lenta ed inesorabile e tutto ciò che è possibile fare al momento, con le nostre attuali conoscenze,  è il tentare di controllare il più possibile i sintomi. Gli scienziati di tutto il mondo sono alla continua ricerca di terapie sempre più efficaci, ma il traguardo, purtroppo, in tal senso sembra ancora essere lontano. Non è ancora chiaro perché il Parkison faccia la sua comparsa nella vita delle persone, ma si è notato che porta alla degenerazione della sostanza nera, la zona del cervello che produce la dopamina, e si pensa che siano diverse le concause alla sua base: una componente genetica, l’esposizione a pesticidi ed idrocarburi ed a metalli pesanti.

I sintomi del Parkinson sono diversi e di differente tipologia. Vi è il tremore a riposo di una mano (ma anche della mandibola o di un piede), ma anche la paralisi: chiamata “freeze” in gergo medico, che può portare alla morte inibendo la respirazione. Si manifestano anche la perdita di equilibrio e una certa lentezza dei movimenti automatici, il tutto accompagnato da rigidità. Le attività quotidiane diventano difficili da affrontare e pian piano si modificano anche la voce e la capacità cognitive declinano portando con sé disturbi dell’umore e del sonno: tutto l’organismo ne risente.

L’assistenza ai malati di Parkinson purtroppo non è priva di difetti e questo è un particolare che deve essere sottolineato in concomitanza con la Giornata Mondiale dedicata alla malattia. Di solito essa viene affrontata con specifici farmaci come la levodopa e gli inibitori enzimatici che però hanno effetti collaterali. E quando le terapie creano assuefazione? Si arriva alla stimolazione cerebrale profonda. Non tutte le strutture sono attrezzate per una corretta assistenza e in molte parti d’Italia mancano dei programmi specifici a tal riguardo: questo porta la famiglia a divenire il primo caregiver pagando di tasca propria delle “collaborazioni assistenziali” più preparate. La Giornata Mondiale contro il Parkinson serve per portare in superficie tutto questo. E spingere verso una maggiore consapevolezza.

Photo Credits | Ocskay Mark / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>