Meningite: cause, sintomi e vaccino

di Tippi 0

La meningite è un’infiammazione delle membrane che rivestono il cervello e il midollo spinale (meningi cerebrali e midollari) e può essere di origine tossica o infettiva. I soggetti a rischio sono di ogni età, sebbene i bambini e gli studenti in generale siano maggiormente esposti. La meningite, infatti, si diffonde facilmente tra le persone che vivono a stretto contatto in ambienti chiusi. I primi sintomi possono essere confusi facilmente con quelli dell’influenza. Vediamo insieme quali sono le cause, i sintomi, l’incubazione e come curarla.

Meningite: cause

L’infiammazione delle meningi di solito è provocata da un’infezione di batteri (meningococco e pneumococco) o virus (nei neonati prevalentemente dagli steptococchi del gruppo B), ma talvolta anche da alcuni farmaci o malattie. la forma più comune è la meningite asettica o virale. In genere guarisce senza lasciare conseguenze nel giro di 1 settimana, tuttavia non sempre è facile da diagnosticare, poiché i sintomi sono simili a quelli di una normale influenza. Il periodo di incubazione va da 3 a e 6 giorni.

La meningite batterica, sebbene sia rara, è la forma più grave e se non curata in modo adeguato può mettere la vita del paziente in serio pericolo. In alcuni casi viene chiamata fulminante, perché è particolarmente aggressiva, tanto da provocare la morte del paziente nell’arco di poche ore.

Meningite: sintomi

I sintomi più comuni della meningite, a prescindere dal germe che la causa, sono:

  • Irrigidimento della parte posteriore del collo (rigidità nucale)
  • Febbre alta
  • Sonnolenza
  • Mal di testa
  • Eruzioni cutanee a chiazze
  • fotofobia
  • Vomito o nausea
  • Alterazione del livello di coscienza
  • Convulsioni

Meningite: cura

Se viene diagnosticata la meningite batterica la cura consiste nella somministrazione di antibiotici per via endovenosa, di liquidi per reintegrare quelli persi e corticosteroidi per alleviare l’infiammazione delle meningi. Nel caso della meningite virale, invece, la terapia consiste nel riposo e nell’assunzione di analgesici da banco e liquidi.

Meningite: vaccino

Non esistono vaccini specifici contro la meningite, ma i vaccini contro il meningococco, lo pneumococco, l’influenza, la parotite, il morbillo e la poliomelite possono difendere l’organismo da questi microrganismi.

Via|Epicentro ISS; Photo Credits|Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>