Nux vomica: posologia, sintomi e indicazioni

di Tippi Commenta

La Nux vomica (anche detta Noce vomica) è un rimedio omeopatico consigliato in caso di stress, mal di testa e nervosismo, ma anche contro i problemi di digestione legati ad un sovraccarico emotivo e a uno stile di vita sregolato. La Nux vomica si ottiene dalla tintura dei semi del frutto della pianta omonima, prima essiccati e poi polverizzati, e dalle successive diluizioni/dinamizzazioni in soluzione idroalcolica. Agisce soprattutto sul sistema nervoso (centrale e periferico) e sull’apparato digerente (fegato in primis). Vediamo insieme qual è la posologia e le indicazioni d’uso.

Nux vomica: sintomi e indicazioni d’uso

Il rimedio omeopatico Nux vomica si usa in caso di:

  • Nervosismo con spasmi
  • Irritabilità
  • Nevralgie
  • Gastrite
  • Dispepsia
  • Flatulenza ed eruttazioni
  • Stipsi spastica (forte stimolo ad evacuare senza riuscire ad espellere le feci)
  • Coliche flatulenti
  • Colite spastica
  • Emicrania
  • Cefalea

Nux vomica: posologia

In caso di nervosismo con spasmi e irritabilità è indicata Nux vomica 30CH, 3 granuli 1-2 volte al giorno, fino ad un massimo di 2 settimana. Si assumono per via sub linguale, 20 o 30 minuti prima di mangiare.

In tutti gli altri casi è consigliata Nux vomica 5CH, 3 granuli o 5 gocce ogni 2-3 ore. Le gocce vanno diluite e assunte con la stessa tempistica dei granuli.

Nux vomica: controindicazioni e effetti collaterali

La Nux vomica, a patto che non si consumino direttamente i suoi semi (contengono alcaloidi velenosi come la stricnina e la brucina) e per brevi periodi non ha controindicazioni. In gravidanza e durante l’allattamento non deve essere assunta. Inoltre, non è indicata per chi assume farmaci anti psicotici e anti convulsivi. Ad alti dosaggi la Nux vomica può avere degli effetti collaterali, quali:

  • Problemi di respirazione
  • Senso di confusione
  • Intorpidimento della muscolatura
  • Stanchezza
  • Iperventilazione

Se accusate il mal di gola potete provare l’Aconitum napellus, particolarmente indicato in tutti quei casi in cui il disturbo si manifesta dopo un colpo di freddo.

Photo Credit| Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>