Dormire poco aumenta il rischio di depressione e suicidio

di Paola Commenta

I ragazzi che si svegliano alle 10:00 hanno meno probabilità di essere depressi o avere pensieri suicidi rispetto ai loro coetanei che rimangono a letto molto di più e molto di meno. A dimostrarlo è una tesi di James Gangwisch, assistente professore di psichiatria presso la Columbia University Medical Center a New York City:

Questo studio rafforza la tesi che la mancanza di sonno può causare la depressione. Gli adolescenti che evitano di dormire troppo o troppo poco hanno meno probabilità di soffrire di depressione e pensieri suicidi.

Lo studio si basa sui dati di più di 15.000 adolescenti che hanno partecipato allo Studio Nazionale sulla Salute degli Adolescenti. I ricercatori hanno scoperto che 1.143 dei ragazzi erano depressi e 2.038 avevano pensato almeno una volta al suicidio. Il dott. Jonathan Pletcher, specialista di medicina giovanile al Children’s Hospital di Pittsburgh, ha sottolineato che i pensieri suicidi negli adolescenti sono comuni, ma non c’è una grande differenza tra l’atto del suicidio e la sola idea del suicidio. Ovviamente questo studio prende in considerazione l’ora in cui ci si sveglia quando non si hanno impegni scolastici o di lavoro.

Quando Gangwisch e il suo gruppo di ricerca hanno esaminato il rapporto di depressione e pensieri suicidi rispetto alle ore di sonno, hanno trovato una chiara correlazione. Se un genitore insiste a svegliare i propri figli non più tardi delle 10 del mattino, si potranno avere il 25% in meno di probabilità che i figli cadino in depressione ed il 20% in meno di fare pensieri suicidi, rispetto ai bambini che si svegliano all’alba, ma anche a quelli che si svegliano più tardi.

I fattori che concorrono a questa possibilità sono la connessione parentale e l’età dei ragazzi, perché gli adolescenti probabilmente vanno a letto più tardi. Questi cambi di personalità sono spesso dovuti alla mancanza di sonno. Spiega Pletcher che

I ragazzi che vanno a letto prima devono dormire sempre di più. C’è un rapporto bi-direzionale tra il sonno e la depressione. I ragazzi che dormono meno possono essere più ansiosi e più propensi a sentirsi male.

La maggior parte dei ragazzi ha bisogno di almeno 8-9 ore di sonno per notte, e i genitori non dovrebbero sottovalutare il bisogno di dormire dei loro figli. Anche perché una mancanza di sonno può incidere anche sulla capacità di concentrazione e di apprendimento, ed addirittura sfociare in obesità e diabete di tipo 2.

[Fonte: Health24]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>